LA MUSICA CHE UNISCE: TRIO AL FEMMINILE RUSSIA, UCRAINA E ITALIA

Il Trio Inventio composto da Yulia Berinskaya e Valentina Danelon al violino e Anna Serova la viola, tre giovanni donne musiciste che presenteranno in anteprima il loro album uscito il primo settembre dal titolo β€œBrilliant Classic” si esibiranno il prossimo 24 settembre in occasione di Cremona Musica International Exhibitions and Festival, la principale fiera mondiale di strumenti musicali d’alto artigianato e unica Fiera di settore in Europa, in programma dal 23 al 25 settembre 2022.

Il trio Inventio, nato a trecento anni dalla stesura definitiva delle Invenzioni e Sinfonie di J.S.Bach nel 1723 rappresenta una rara formazione al femminile composta da tre donne dalle storie profondamente intrecciate nella loro diversitΓ  e talvolta distanza, trasformando il sodalizio amicale, anche solo nel mondo social, in una nuova avventura professionale. Due violini e una viola con l’obbiettivo di ampliare un repertorio molto ristretto, sfidando trascrittori e compositori ad esplorare sottili equilibri nel timbro alto, chiaro e cristallino di questa amicizia musicale tra Russia, Ucraina e Italia.

Impreziosito dal rarissimo trio di Sergei Ivanovic Taneyev, coltissimo e nobile allievo di Anton Rubinstein per il pianoforte e di Ciaikovsky per la composizione, noto come β€œIl Bach Russo” da affettuosa definizione dello stesso Piotr Ilic per la perizia applicativa nell’arte contrappuntistica, il programma di Inventio Γ¨ in sΓ© manifesto delle ragioni profonde che hanno unito Yulia Berinskaya, Valentina Danelon e Anna Serova non solo per la nuova registrazione, ma per dar vita ad un nuovo trio: la comune ricerca di nuovo repertorio, sia esso per trascrizione, nuova composizione o recupero di pagine rare, per la formazione difficile ma luminosa di due violini e viola.

D’altra parte tale ricerca era giΓ  fortemente presente nella carriera di tutte e tre le musiciste e questa esigenza primaria le ha unite anche nella distanza. Yulia Berinskaya e Valentina Danelon avevano una lunga relazione di Maestra e allieva, Anna Serova era fino all’inizio del ’21 solo un’amica di Facebook e Instagram, una professionista stimata e seguita a distanza, quindi contattata per una consonanza di intenti che emergeva proprio dai suoi racconti social.

D’altro canto se la violista Anna Serova vanta davvero un’impressionante mole di repertorio scritto o trascritto appositamente per lei e per la sua inesausta esplorazione al confine tra musica da camera e linguaggio teatrale, la storia famigliare di Yulia Berinskaya la pone sin dalla nascita al centro della scena della musica contemporanea russa piΓΉ di ricerca e sperimentazione. Talento precocissimo, il suo scopritore fu il padre Sergei Berinsky, compositore moscovita, figura apicale del fermento culturale e musicale russo nei difficilissimi anni ’70. È dunque naturale che, pur avendo sviluppato una solida carriera basata sul suo indubbio virtuosismo a partire dagli esordi al Conservatorio di Mosca dove Γ¨ stata guidata da assolute eccellenze quali E. Tchugaeva e V. Tretiakov, Quartetto Borodin e Trio di Mosca, Yulia Berinskaya abbia sempre silenziosamente coltivato in sΓ© i semi di un ideale rigenerativo della musica e che tale approccio creativo abbia profondamente inciso anche sulla sua pupilla Valentina Danelon, al suo fianco dall’etΓ  di 12 anni

 

prima come allieva e poi come collega, ma oggi ormai anche docente, direttore artistico di diverse manifestazioni musicali e in particolare di “Nei suoni dei luoghi”, festival internazionale dedicato principalmente alla scoperta di giovani talenti provenienti da tutta Europa; ideatrice di residenze artistiche, progetti musicali eΒ  multidisciplinari, con un focus sul binomio musica e cammini, sua autentica passione, come Musica e storie lungo il Cammino Celeste, I Suoni della Pace/Zvoki miru, sul Walk of Peace.

CosΓ¬ nasce il nucleo pulsante del progetto, cioΓ¨ la trascrizione delle Invenzioni a due voci di Bach ad opera di Berinskaya e Danelon. Ed Γ¨ altrettanto naturale che l’estro creativo della collega Anna Serova abbia colpito il duo violinistico pur solo dall’osservazione da followers del suo percorso e che questa consonanza tra prossimitΓ  e lontananza, sia diventata oggi con il primo album, un progetto artistico di lungo respiro.

Colpisce in Inventio un approccio comune ove il gesto virtuoso non Γ¨ mai fine a sΓ© stesso, ma sempre al servizio di un’instancabile ricerca in un ambito difficilissimo come Γ¨ il repertorio affrontato su tessiture molto vicine oltre alla forza vitale di tre donne con storie personali non sempre facili, ma sempre pronte e rimettersi in gioco con ironia, passione, vocazione e tanto coraggio.

Inventio verrΓ  presentato in anteprima a Cremona Musica il 24 settembre alle ore 14.00 in Sala Monteverdi che si esibiranno in:

Inventio Bach/Taneyev – J.S.BachΒ  Invenzioni a due voci – trascrizione per due violini di Yulia Berinskaya e Valentina Danelon

Sinfonie a tre voci – Trascrizione per due violini e viola di Ferdinand David (1810-1873)

S.I.Taneyev – Trio per due violini e viola Op.21