Martina e il segreto delle parole

Stampa

Martina Facciano, medella torinese, attraverso le fotografie racconta molto di sé. Racconta la femminilità a cui ha affidato la custodia del suo mondo, l’assolo delle paure mai sotto il sole, il disaccordo dei suoi pensieri. Martina negli scatti regala una parte del suo candore per mascherare la sua anima. Qualcuno è andato avanti sulla sponda simmetrica di un fiume silenzioso. Martina teme il risveglio e dilaziona e non riesce a percepire la trama dei tessuti sulla pelle. È una trappola, lei è di vetro, ma la trama non è la trappola e s’infittisce. Cosa ne sarà di Martina? Modella? Attrice? Sogno proibito? In questo istante, mentre tu leggi, Martina aspetta che qualcuno le suggerisca una sequenza di ragioni più intriganti: protagonista, terribilmente vigile e sensibile. Martina conosce bene il significato delle parole; le promesse sono un filo: una fune sulla quale si libera nel vuoto. Martina: il diritto di essere felice, il diritto di sognare, il diritto di credere in qualcosa, il diritto immaginare, il diritto di pensare e di non deludere le persone che credono davvero in lei.

Martina, quando hai deciso che volevi essere famosa?
Famosa è una parola grossa, è successo tutto per caso, mi stavo allenando in palestra, avevo 16 anni e…

Sei fiera di essere ciò che sei oggi?
Sicuramente! Penso che l’esercito abbia avuto un ruolo fondamentale nella mia vita, avevo 18 anni quando mi sono arruolata, mi ha formata veramente tanto.. devo a lui la mia umiltà.

I soldi quanto contano?
Sono importanti ma non sono tutto e a ogni modo non sono in grado di donare la felicità a mio avviso. Circondatevi di persone belle dentro, che credano in voi..questo è il mio consiglio
Cosa ti piace nella fotografia?
Tutto, la reputo una forma d’arte capace di cogliere l’attimo, "carpe diem" alla latina

E nelle foto quale parte del tuo corpo vorresti fosse valorizzata di più?
Il viso e gli occhi, specchio dell’anima!

Il tuo modo di posare è molto istintivo oppure dietro c’è una ricerca di situazioni e sguardi?
Ogni set è una nuova sfida per me, mi piace interpretare ogni scatto con un mood diverso

Si parla spesso di amore, sentimenti e forti emozioni nei libri e nelle canzoni: ma che differenza c’è tra la quotidianità e il cuore?
Il cuore ha le sue ragioni che la mente spesso non comprende, siamo esseri razionali, sí, ma quanto è bello emozionarsi? Ognuno di noi si lascia andare in circostanze e tempistiche diverse, io sono una ragazza molto romantica. Amo il lavoro di fotomodella perché quando nello scatto esprimo passione e sentimento mi realizzo per davvero.

Sei molto giovane: credi di mettere un po’ di paura ai ragazzi della tua età? Hai un fidanzato?
Domanda invadente! Ahahaha sono una ragazza normalissima, non mordo giuro!

Uscendo per strada cosa ti fa più paura in genere?
Ho timore dei vizi odierni, alcol e fino a livelli smoderati, essendo una salutista odio tutto questo.. Sapere che anche ragazzi della mia età eccedono non mi mette tranquillità.

La politica verso i giovani in cosa ha fallito?
Nella mancanza di certezze e posti sicuri, non è tutta causa dello stato ma della nostra contemporaneità che impone questi standard.

Domani Berlusconi ti invita a cena… cosa penseresti?
Dove mi porta? Ahahahha

E se lo facesse Grillo?
Come mi devo vestire? Ahahah

Ti consideri una preda o peggio ancora un bersaglio?
Una cacciatrice! Molto peggio.

Sogni mai il cinema?
Ci ho pensato sì, credo che avrei buone possibilità..non si sa mai.

L’importante in una storia da recitare?
Essere il personaggio, non somigliargli ma esserlo..in tutto.

Ultima curiosità: perché guardandoti in foto dimentichiamo lo stress?
È merito del self control che emanano gli scatti, tanta grinta sovrasta le nevrosi di ogni genere.