Gianluca Paparesta

Il fair play dimostrato da Gianluca nel derby della capitale non cancella le brutture dei suoi fischi della scorsa stagione, costellata di tanti voti negativi ma illuminata da una intervista su una rivista patinata. Ha il fisico adatto e anche l’anima per dirigere ad alto livello e qualcuno gli spieghi perché, ciononostante, gli abbiano preferito Massimo De Santis per Germania 2006. Forse perché è un po’ mitomane come dimostra il suo sito web? Un po’ di umiltà non guasterebbe. Predestinato.