QUELLO CHE NESSUNO HA IL CORAGGIO DI DIRE SUI RAPPORTI MAFIA & POLITICA
LE MONTAGNE MAFIOSE DEI POLITICI SICILIANI

Attualitą(23/12/2008) -

Sulla scorta dei dati emersi nell’ambito del procedimento cd. ICARO e delle cennate dichiarazioni rese da GIUFFRE’ Antonino e GALATI GIORDANO Orlando, la Procura antimafia avviava controlli telefonici e ambientali sul conto dei soggetti esponenti della cosiddetta famiglia mafiosa di Mistretta:

IN USO A
UTENZA
INTESTATARIO
R.I.T. PM
INIZIO
FINE
ALL.
BONANNO CONTI Armando, nato a Capizzi (ME) il 18.09.1944, ivi residente via Roma nr. 251, di fatto nel periodo del servizio di i.t., prima domiciliato c.da Nicetta del Comune di Acquedolci e succes. c/o il residence "Nettuno" del Comune di Capo D'Orlando
Ambientale su Cherokee tg. CT 733209
BONANNO CONTI Armando, nato a Capizzi (ME) il 18.09.1944, ivi residente via Roma nr. 251, di fatto nel periodo del servizio di i.t., prima domiciliato c.da Nicetta del Comune di Acquedolci e succes. c/o il residence "Nettuno" del Comune di Capo D'Orlando.
07/05 del 11.01.05
26/01/05
16/04/05

32993...
04/05 del 11.01.05
Mai iniziata perché già intercettata dalla DIA di Catania

32070...
05/05 del 11.01.05
13/01/05
14/01/05
19/01/05

Ambientale residence NETTUNO
Residence "NETTUNO" di Capo D'Orlando
54/05 del 31/01/05
16/02/05
17/04/05

33845...
PELLIZZARO Gianfranco, nato a Montecchio Maggiore (VI) il 08/05/1964
752/04 del 24/12/04
24/12/04
02/06/05

Ambientale su Mercedes 190 tg. PA-A31819
LO GIUDICE Francesco, nato a Torino il 18,12,1967, residente a Palermo via Catinella Giuseppe nr.7/C
29/05 del 24/01/05
29/01/05
29/05/05

CALABRESE Antonino, nato a San Fratello il 23/09/1952, ivi residente c.da Stazzoni nr.1 pl. A;
CALABRESE Filadelfio, nato a Sant'Agata di Militello il 01/12/1976, residente a San Fratello via Stazzone pl. 1 int.6.
Ambientale su BMW tg. BF 306 HX
CALABRESE Filadelfio, nato a Sant'Agata di Militello il 01/12/1976, residente a San Fratello via Stazzone pl. 1 int.6
400/05 del 01/06/05
13/09/05
22/12/05

CALABRESE Antonino, nato a San Fratello il 23/09/1952, ivi residente c.da Stazzoni nr.1 pl. A
33977....
CALABRESE Antonino, nato a San Fratello il 23/09/1952, ivi residente c.da Stazzoni nr.1 pl. A
195/05 del 06/04/05
07/04/05
25/10/05

33977....
II^ Int.
655/05 del 16/11/05
18/11/05
ATTIVA

3208....
VASI Teresa, nata a San Fratello il 18/12/1958
196/05 del 06/04/05
11/04/05
ATTIVA

FRASCONA' CANTALANOTTE Nicolò, nato a Capizzi il 10/09/1957, ivi residente via Roma nr.150
33348....
FRASCONA' CANTALANOTTE Nicolò, nato a Capizzi il 10/09/1957, ivi residente via Roma nr.150
431/05 del 15/07/05
15/07/05
ATTIVA

Ambientale su Jeep Cherokee tg. ZA534WJ
MANCUSO CATARINELLA Maria Carmela, nata a Capizzi il 12/09/1957, ivi residente via Roma nr.131
642/05 del 28.10.05
21/02/06
ATTIVA

Ambientale su Clio tg. BJ126YS
641/05 del 28/10/05
06/12/05
24/02/06

Utenza pubblica utilizzata spesso da FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò
09359....
"Bar SPAGNA", sito a Capizzi via Roma nr.71
656/05 del 16/11/05
18/11/05
28/12/05

PRINCIPATO TROSSO Giuseppe, nato a Capizzi il 18/09/1940, ivi residente;
TESTA CAMILLO Bartolomeo, nato a Catania il 29/11/1967, residente a Capizzi via Roma nr.25
Ambientale c.da CASALE di Nicosia
PRINCIPATO TROSSO Antonino, nato a Capizzi il 15/01/1979, ivi residente
411/05 del 22/06/05
09/10/05
28/12/05

SCAVONE Giuseppe, nato a Bronte (CT) il 28/03/1979, residente a Troina (EN), c.da Piano Fossi ma di fatto domiciliato in via Risorgimento nr.1
3939....
SCHILLACI Giuseppe, nato a Catania il 28.03.1978, ivi res., via A. De Cosmi nr.6
06/05 del 11.01.05
13/01/05
22/02/05

3335....
SCAVONE Giuseppe, nato a Bronte (CT) il 28/03/1979, residente a Troina (EN), c.da Piano Fossi ma di fatto domiciliato in via Risorgimento nr.1
56/05 del 02/02/05
04/02/05
16/03/05

SCIORTINO Santo, nato a Tusa il 30/06/1959, res. Acqued. Via G. Galilei nr.9.
340803....
MOLLICA Rosina, nata a Sant'Agata di Militello il 15/11/1968, residente ad Acquedolci., via Pisani 32
03/05 del 11.01.05
14/01/05
29/11/05

TESTA CAMILLO Bartolomeo, nato a Catania il 29/11/1967, residente a Capizzi via Roma nr.25
33334....
TESTA CAMILLO Bartolomeo, nato a Catania il 29/11/1967, residente a Capizzi via Roma nr.25
90/05 del 18/02/05
18/02/05
ATTIVA

TRAVIGLIA Benedetto, nato a Troina (EN) il 28/10/1950, residente a Gravina di Catania, via Gramsci nr.58
34016....
LEONARDI Angelo, nato a Catania il 14/12/1983, residente a Gravina di Catania, via Etnea nr.185
40/05 del 26/01/05
27/01/05
07/05/05


Elementi utili alle investigazioni si potevano apprendere dai controlli disposti nell’ambito di altra indagine naturalmente confluita nella presente e denominata “SCIPIONE”:

IN USO A
UTENZA, MEZZO E/O AMBIENTE MONITORATI
INTESTATARIO
PROC. PEN. R.G.N.R.
R.I.T. PM
INIZIO
FINE
RAMPULLA Sebastiano, nato a Mistretta (ME) il 12.05.1946, anagraficamente residente in Alì Terme (ME) c.da Capo Alì s.n.c., di fatto domiciliato in Caltagirone (CT) c.da Renelle – Bongiovanni s.n.c.
093329537
SOMMA Maria Rosaria, nata a Gragnano (NA) il 29.05.1960, residente in Caltagirone (CT) c.da Renelle – Bongiovanni s.n.c.
4208/02

98/03
25/03/2003

23/07/2003

32938....
REALE Dario, nato a Catania il 15.07.1970, ivi residente via Novara n. 2.
552/03
05/11/2003
15/12/2003
3356498885
IUDICELLO Viviana, nata a Caltagirone (CT) il I°05.1979, residente in Ramacca (CT) via Marchese Concetto n. 62.
157/03
07/04/2003
03/12/2003
RAMPULLA Maria, nata a Mistretta (ME) il 17.03.1944, residente in Messina c.da Ruvolazzo s.n.c. fraz. Pezzolo, di fatto domiciliata in Alì Terme (ME) c.da Capo Alì c/o club gastronomico “Al Colapesce”
34745....
RAMPULLA Maria, nata a Mistretta (ME) il 17.03.1944, residente in Messina c.da Ruvolazzo s.n.c. fraz. Pezzolo.
99/03
25/03/2003
04/12/2003
Nissan Terrano II° targato BW059HE
687/03
11/12/2003
20/03/2004
IUDICELLO Pietro, nato a Ramacca (CT) il 16.10.1950, ivi residente in via Marchese Concetto n. 62.
333508...
IUDICELLO Viviana, nata a Caltagirone (CT) il I°05.1979, residente in Ramacca (CT) via Marchese Concetto n. 62.
462/03
10/10/2003
19/11/2003
3203872293
ZAPPALA’ Angelo, nato a Ramacca il 10.12.1924, residente in Civitanova Marche (MC) via Monti n. 15.
463/03
30/10/2003
19/11/2003
BISOGNANO Carmelo, nato a Mazzarrà Sant’Andrea (ME) il 23.08.1965, ivi residente in via matrice n. 2, di fatto domiciliato in Furnari via Ugo Bassi n. 6.
3294....
BISOGNANO Carmelo, nato a Mazzarrà Sant’Andrea (ME) il 23.08.1965, ivi residente in via matrice n. 2, di fatto domiciliato in Furnari via Ugo Bassi n. 6
4208/02
263/03
30/06/2003
09/08/2003
33521....
260/03
30/06/2003
04/12/2003
Mitsubishi Pajero targata ZA814SF
264/03
RESTITUITO PER MANCATA ESECUZIONE
Colloqui c/o luoghi di detenzione di BISOGNANO Carmelo
747/03
18/12/2003
07/02/2004
3337849919
TRUSCELLO Teresa nata a Barcellona P. di G. (ME) il 9.08.1974, residente in Furnari via Ugo Bassi 6
261/03
30/06/2003
09/08/2003
3382230862
262/03
30/06/2003
17/11/2003
CAMBRIA Beniamino, nato a Messina il 07/10/1960, residente in Mazzarrà Sant’Andrea (ME)
3201943830
GULLO Costantino, via Cuba 16 - Mazzarrà S. Andrea (ME)
426/03
25/09/2003
02/03/2004
SMIRIGLIA Antonino, nato a S. Agata di Militello (ME) il 26.11.1964, ivi residente in via Mortilli n. 2.
0941702313
SMIRIGLIA Antonino, nato a S. Agata di Militello (ME) il 26.11.1964, ivi residente in via Mortilli n. 2.
4208/02

750/03
30/12/2003

27/02/2004

3290090873
749/03
29/12/2003

07/02/2004

3358161...
33/04
30/01/2004
07/07/2004
0941721306
Nebrodi Calcestruzzi s.r.l.
Via Emilia n. 8 – S. Agata M.llo (ME).
32/04
30/01/2004
07/07/2004
Alfa Romeo 166 targata BC154BG
151/04
11/03/2004
09/07/2004
Uffici della società Nebrodi Calcestruzzi srl

2790/04
(ex 4208/20)
315/04
06/05/2004
05/07/2004
SMIRIGLIA Carlo, nato a S. Agata di Militello (ME), ivi residente c.da San Leo n. 120.
3357197906

4208/02
135/04
18/02/2004
08/05/2004

I detti controlli tecnici venivano progressivamente irrobustiti da penetranti servizi svolti sul territorio da parte dei CC. delegati, sicchè si poteva accertare in estrema sintesi:
a)L’esistenza di consolidati rapporti tra:
1.ARCOVITA Francesco;
2.ARCOVITA Giovanni;
3.ARMELI Vincenzo;
4.BENEDUCE Umberto;
5.BERNA NASCA Antonino cl. 1930;
6.BERNA NASCA Antonino cl. 1980;
7.BERNA NASCA Michele cl. 1973;
8.BLANCUZZI Antonino;
9.BONANNO CONTI Armando;
10.CALABRESE Antonino;
11.CALANDRA Giuseppe;
12.CANNIZZARO Giorgio;
13.D’ALEO Giuseppe;
14.FAZIO Nunzio Antonino;
15.FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò;
16.GALATI GIORDANO Vincenzo;
17.GRIPPALDI Antonino;
18.MALENA Fernando;
19.MAZZONI Alberto;
20.MUSARRA AMATO Benedetto;
21.PISCITELLO Michele;
22.SCIORTINO Santo;
23.TESTA CAMILLO Bartolomeo;
24.TIMPANARO Giuseppe;
25.TRAVIGLIA Benedetto;
b)La conferma dell’esistenza e della operatività di un gruppo definibile come “famiglia mafiosa di Mistretta”di cui fanno parte:
1.BLANCUZZI Antonino;
2.CAMMARATA Michele;
3.BONANNO CONTI Armando;
4.CALABRESE Antonino;
5.CALANDRA Giuseppe ;
6.FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò;
7.LO RE Giuseppe;
8.SCIORTINO Santo;
9.TESTA CAMILLO Bartolomeo;
e che vede CALANDRA Giuseppe e FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò con ruoli di dirigenza.;
c)La conferma dell’esistenza e della operatività di un gruppo criminale definibile come “Batanesi” di cui fanno parte:
1.ARANCIO Carmelo;
2.ARMELI Vincenzo;
3.BARBAGIOVANNI Carmelo, inteso “Muzzuni”;
4.BARBAGIOVANNI MIRACOLO Sebastiano, inteso “Iano”;
5.BONTEMPO Alessio;
6.BONTEMPO Gino, inteso “don Vito Corleone”;
7.BONTEMPO Giovanni;
8.BONTEMPO Salvatore, inteso “Salvuccio”;
9.CALA’ CAMPANA Carmelo, inteso “Carmeleddu”;
10.CASTROVINCI Roberto, detto “Pinocchio”;
11.COCI Sebastiano;
12.COCI Vincenzo;
13.COSTANZO ZAMMATARO Antonino, inteso “Madonna”;
14.COSTANZO ZAMMATARO Giuseppe, inteso “Pippo” o “Madonna”;
15.COSTANZO ZAMMATARO Maria, intesa “Mariella”;
16.COSTANZO ZAMMATARO Roberto;
17.COSTANZO ZAMMATARO Salvatore;
18.COSTANZO ZAMMATARO Sebastiano, inteso “Seby”;
19.GALATI GIORDANO Vincenzo, inteso “Lupin”;
20.MANCARI Franco;
21.MARINO GRANFAZZA Calogero;
22.MIRACOLO Luca;
23.STRANO Alessandra;
24.TALAMO Mirko;
e che vede BARBAGIOVANNI Carmelo, BONTEMPO Gino e GALATI GIORDANO Vincenzo con ruoli di dirigenza;
d)La contiguità al gruppo criminale di cui al capo b di una serie di imprenditori, la cui attività è collegata e strettamente funzionale alla vita del gruppo, quali:
1.ARCOVITA Francesco;
2.ARCOVITA Giovanni;
3.BERNA NASCA Antonino cl. 1930;
4.BERNA NASCA Michele cl. 1973;
5.BERNA NASCA Antonino cl. 1980;
6.CALABRESE Filadelfio;
7.CALABRESE Luigi Giacomo.;
8.FARINELLA Vincenzo;
9.FAZIO Antonino;
10.FAZIO Francesco;
11.FAZIO Nunzio;
12.MUSARRA AMATO Benedetto;
13.SMIRIGLIA Angelo;
14.SMIRIGLIA Antonino;
15.SMIRIGLIA Carlo;
16.STANZU Luisa;
e)La contiguità al gruppo criminale di cui al capo c) di una serie di imprenditori la cui attività è collegata e strettamente funzionale alla vita del gruppo, quali:
1.DI PIETRO Carmelo Enrico, inteso “Pietro”;
2.DI PIETRO Rosario Giuseppe;
3.FAVAZZO Filadelfio, inteso “frareddu”;
4.KARRA Giuseppe, inteso “l’ingegnere” o “u cupugliuni”;
5.SGRO’ Basilio;
f)La contiguità ai due gruppi criminali indicati di una serie di soggetti i quali fanno in effetti parte integrante di un gruppo criminale diverso ovvero dei quali non è stata accertata l’appartenenza organica ad alcun gruppo criminale:
1.PARISI Alfio;
2.SINATRA Rosario;
3.TIMPANARO Giuseppe;
4.CUCINOTTA Orazio;
5.MALENA Fernando;
6.MAZZONI Alberto;
7.VASI Valerio;
8.LIGORIO Paolo
9.D’ALEO Giuseppe;
10.CARELLA Saverio;
11.PISCITELLO Michele;
12.CANNIZZARO Giorgio;
13.VISCONTI Daniele;
g)I settori di interesse criminale dei due gruppi indicati, si possono individuare in:
1.Danneggiamenti e taglieggiamenti ai danni di operatori commerciali ed industriali delle zone di rispettivo controllo (vds vicenda FOTI CUZZOLA Carmelo; vicenda danneggiamento tubazioni SMEDIGAS sui cantieri di San Fratello e Caronia; danneggiamento mezzo di lavoro LA MONICA; grave danneggiamento di mezzi di lavoro di proprietà di MONTAGNO BOZZONE Calogero nel torrente Rosmarino; vicenda in danno del deposito alimentare della società APO MERCATO UNO di Rocca di Caprileone riferibile a MILIO Francesco Paolo; danneggiamento ai mezzi di lavoro denunciati da VERSACI Carlo; etc.)
2.Recupero di crediti con modalità violente (vds vicenda in danno di COCI Vincenzo)
3.Truffe per importi rilevanti (vds vicenda in danno PIRROTTI Marisa e PIRROTTI Massimo; tentata truffa BIONDO; etc. )
4.Acquisti immobiliari (vds acquisto ad opera congiunta SCIORTINO Santo, ARCOVITA Francesco e LO RE Salvatore; progettato acquisto dell’Hotel delle Palme di Catania da parte di BERNANASCA Michele cl. 1973;etc.)
5.Inframmettenze dell’assegnazione di lavori pubblici (vds lavori arredo urbano Comune di Capizzi; progettata realizzazione di un lago artificiale in territorio di Capizzi; lavori di metanizzazione in Caronia San Fratello, Capizzi; espurgo di pozzi neri; lavori di rifacimento e potenziamento in Sant’Agata Militello del serbatoio di contrada Telegrafo e dell’acquedotto comunale; ampliamento dei piazzali di sosta degli aeromobili presso l’aeroporto di Catania Fontanarossa; lavori di sistemazione viabilità e piazzali antistanti l’edificio scuola elementare di Capizzi; spasmodica ricerca di buste di appoggio in vista per la gara per lavori stradali da parte di FRASCONA’ BONANNO ed altri nell’aprile 2005; lavori di prossima assegnazione da parte della Protezione Civile cui appare interessato il FRASCONA’; ripascimento del litorale di Brolo; lavori di manutenzione e sistemazione delle strade rurali di Cerami; lavori di costruzione di un piazzale in zona “Tre croci” di Capizzi; lavori di pavimentazione della pista carrabile TimpeRusso-Crocette di Capizzi; costruzione di un tratto di rete idrica in contrada San Miceli-Nefari di Capizzi; lavori di ri-sistemazione, arredo e creazione dell’area parcheggio in via Murotorto di Tusa centro; lavori di manutenzione straordinaria della strada comunale Serra Rina - Roccella di Capizzi; realizzazione di un lago artificiale in contrada Savarino di Regalbuto (EN); lavori di costruzione di un parco Robinson in contrada Colla di Capizzi; etc.;)
6.Estorsioni.
h)Quanto all’impiego del metodo mafioso nell’agire dei gruppi criminali sopra individuati, si è potuto osservare:
1.Il sistematicoimpiego di telefoni cellulari intestati a persona diversa da quella che ne fa uso (vds FRASCONA’ che chiama CASABONA utilizzando il telefono di CALABRESE Antonino; etc.);
2.Riunioni riservate in luoghi prefissati o particolarmente defilati (vds bar “Frisenda” di Rocca di Caprileone; ospedale S. Agata Militello; cimitero di Galati Mamertino; Agriturismo Casale Belmontino in Comune di Aidone (EN) condotto dalla famiglia SCINARDO –incontri apparentemente casuali in luoghi predefiniti (per esempio ai semafori di Acquedolci, Rocca di Caprileone);
3.Appuntamenti fissati molto spesso in maniera non diretta, ma facendo ricorso a terze persone che hanno la funzione di ponte (vds FRASCONA’ contatta i vertici batanesi attraverso COCI Sebastiano il quale a sua volta si rivolge ad ARMELI sino ad arrivare al soggetto effettivamente interessato GALATI “Lupin”; ruolo specifico a riguardo svolto da COSTANZO ZAMMATARO Salvatore quando si rende necessario interloquire con Lupin; CALABRESE che viene contattato da ARMELI affinché si rechi da Lupin; CALABRESE Tindaro comunica con GALATI GIORDANO Vincenzo attraverso COSTANZO ZAMMATARO Salvatore; BARBAGIOVANNI Carmelo che contatta TESTA CAMILLO Bartolomeo per mezzo del cognato MARINO GRANFAZZA Calogero; etc.);
4.Rispetto rigoroso delle regole di competenza territoriale (vds lavori di Portella dell’Obolo e minacce conseguenti; lavori di rifacimento e potenziamento in Sant’Agata Militello del serbatoio di contrada Telegrafo e dell’acquedotto comunale; vds telefonata nr. 277 tra FRASCONA’ e SINATRA Rosario del 20/07/2005 ore 10.24 tanto più rilevante considerando che la C.O. chiede la c.d. messa a posto per lavori eseguiti da altro esponente di rilievo della stessa C.O.:
R: SINATRA Rosario, inteso “Rossano”
N: Nicola FRASCONA’ CANTALANOTTE

N: Com'è il fatto?
R: che è Nicola?
N: niente a quello gli ho parlato, gli ho detto che eravate saliti voi, quello poi è venuto alla sera … alle sette...mi dissero..
R: problemi suoi sono...
N: ah?
R: problemi suoi...
N: oh no dice....ma io devo prendere il permesso a loro per andare là?...
R: si..si...gli devi dire....gli puoi dire si....
N: ma io non gli ho detto niente...
R: no, glielo puoi dire si, glielo puoi dire direttamente...
N: ma io che gli dico, gli dò confidenza alle......
R: glielo puoi dire..si...(inc)..
N: come io ti ho detto, dico hanno aspettato oltre un ora...ohh...dico...
R: gli devi dire che mi deve chiedere il permesso a me, forse lui non si è fatto convinto ancora, ora, va bhe, ora...ora gli arriva l'ambasciata, quindi non ti preoccupare...
N: che si dice, tutto a posto?
R: si stiamo facendo...
N: senti vedi di prendermi quell'appuntamento con CARPENZANO quando scendi a Paternò..
R: io qua sono a Paternò...se vuoi scendere qua ....
N: lo sò che sei a Paternò, se tu ti senti con lui...
R: vedi che lui già qui è...
N: (inc.. a causa di mancanza di rete)
R: Ohuu mi senti....pronto?
…cade la linea.. );
5.consuetudine di avvisare immediatamente i sodali delle novità rilevanti (GALATI GIORDANO “Lupin” che avvisa subito della perquisizione subita BARBAGIOVANNI “Muzzuni”; reciproci avvisi sulla presenza delle Forze dell’Ordine sul territorio; etc.);
6.rispetto rigoroso della gerarchia interna al singolo gruppo (le decisioni più delicate demandate a CALANDRA Giuseppe; le decisioni finali che interessano i Batanesi demandate a “Lupin” e “Muzzuni”; SCIORTINO e Francesco ARCOVITA che, notata la presenza di FRASCONA’, arrestano i cavalli e lo salutano; pg. 705 informativa: FRASCONA’ rivolto a PARISI: “….sbrigami quella cosa…che sono diventato l’ultima chiodo della carrozza io….”; pg. 615 informativa: FRASCONA’ rivolto a PARISI ”…..lui se la deve prendere con noi….si deve imparare….se no li scanniamo a tutti…li scanniamo!”; pag. 728 informativa: FRASCONA’ rivolto a ISAIA Santo di Paternò: ”…tu gli devi dire…..tu….a me mi devono cercare…. tu sali e c’è lo zio Nicola e basta!....”; pg. 732 informativa: FRASCONA’ rivolto a TRAPANOTTO Carmelo: ”…..noialtri le strade le apriamo da noi….”; pg. 737 informativa FRASCONA’ rivolto a TRAPANOTTO Carmelo: ”…..loro sono vigliacchi…a noi le tragedie ci hanno potuto fare…..però noi siamo qui….loro quando vengono con noi devono venire in dieci e noi uno soltanto….hai capito?....loro devono venire in dieci e noi uno solamente, come li ho fatti scappare l’altra sera ad Enna….dieci persone le ho fatte scappare…a cinquat’anni!….”; pag. 1487-88 informativa: FRASCONA’ rivolto a CALABRESE Antonino: “…..digli che chiamano me…..gli dice che chiamano a Nicola……il responsabile sono io….metti mano ti sto dicendo….”; pg. 1587 informativa: BONANNO rivolto a FRASCONA’: ”….noi dobbiamo insegnare a portare rispetto…hai capito?....quindi….”; pg. 1631 informativa: FRASCONA’ a CALABRESE Antonino preoccupato perché convocato dai tortoriciani: ”….va bene poi mi fai sapere…..gli dai i saluti là….e gli dici che gli devo parlare, si faccia sentire che gli devo parlare”);
7.il linguaggio particolarmente ermetico impiegato durante le conversazioni specialmente allorquando si tratta di comunicare le ragioni di un incontro e/o le persone che dovranno intervenire.
8.intervento del gruppo addirittura in vicende strettamente private, se soggetti interessati sono soggetti contigui al gruppo criminale (vds. protezione accordata da BARBAGIOVANNI Carmelo, GALATI GIORDANO Vincenzo ed altri affiliati alla fuga d’amore posta in essere da MARINO GAMMAZZA Salvatore, figlio di Antonino inteso “Banana”; rissa procurata in un locale di Sfaranda da Batanesi per la sola ragione che gli era stato chiesto di pagare il biglietto, con conseguente pretesa da parte degli ospiti che venisse interrotto il programma della serata; soccorso da parte di BONANNO CONTI e FRASCONA’ a NARO Antonello strozzato dall’usura; COSTANZO ZAMMATARO Salvatore che si adopera per dare conseguire a STRANO Alessandra crediti verosimilmente in testa al marito detenuto; COSTANZO ZAMMATARO Salvatore che si adopera nell’interesse di STRANO Alessandra per farle recuperare un credito da tale LETIZIA Dario; il commerciante FIORELLO da Gualtieri, per rientrare del credito nei confronti di SMIRIGLIA Antonino, fa ricorso prima a TESTA CAMILLO Bartolomeo e, successivamente, a FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò);
9.Protezione di lunghi periodi di latitanza di soggetti importanti appartenenti da altri gruppi criminali:
Ottobre 1988 BONANNO CONTI Armando è oggetto di perquisizione a Capizzi da parte della Polstato catanese, che riteneva plausibile che l’anziano farmacista potesse ospitare a Capizzi Nitto SANTAPAOLA;
Anno 1993 processo di mafia contro i vertici del mandamento di San Mauro Castelverde- Gangi. Stralcio:
“.....Ulteriori attività dell’organizzazione sono:………. l’approntamento di ospitalità per i ricercat…………dall’aiuto approntato in favore di “uomini d’onore” latitanti, appartenenti ad altre “famiglie” (in questo settore, come già accennato e come meglio si vedrà, spicca proprio la cosca facente capo al FARINELLA)”…….. laddove è rimasta, al contrario, del tutto omessa la sanzione della attività di favoreggiamento dei latitanti, di cui le emergenze processuali, come si vedrà, offrono traccia consistente…”………”il 25 novembre 1987 ha precisato che il FARINELLA svolgeva un ruolo molto importante in seno a Cosa Nostra assicurando sicura ospitalità ai latitanti attraverso il controllo, attuato con l’ausilio di “uomini d’onore” che vivevano in paesi anche notevolmente distanti da San Mauro Castelverde, di un vasto territorio facente parte dell’entroterra, nonché attraverso la conoscenza, nelle zone montagnose dell’interno della Sicilia, di un numero cospicuo di rifugi: al riguardo ha ripetuto che il Madonia Francesco da Vallelunga era stato a lungo latitante nella zona in atto “controllata” da FARINELLA e su cui in precedenza esercitava la supremazia, quale “rappresentante”, uno zio del predetto, ormai deceduto……”
08.06.1998 FRASCONA’ CANTALANOTTE e la moglie MANCUSO CATARINELLA vengono denunciati e successivamente condannati, per aver favorito la latitanza di PARISI Alfio da Paterno’, esponente di spicco della famiglia ALLERUZZO, nascosto proprio nell’abitazione della coppia in via Roma nr. 150 di Capizzi (i contatti di natura mafiosa tra il FRASCONA’ e il PARISI proseguono tutt’oggi).
06.10.2000 i CC della Compagnia di Caltagirone arrestano il latitante SOMMA Tommaso, cognato di Pietro RAMPULLA in un ovile di proprietà di Basilio SCINARDO CL. 1928, nell’agro del comune di Mineo (CT).
SCINARDO Basilio è fratello di SCINARDO Giuseppe classe 1938.
Entrambi sono di Capizzi.
SCINARDO Giuseppe cl. 1938 è padre di SCINARDO Mario Giuseppe cl. 1965, inteso “Pippo”, gestore formale del casale Belmontino di Aidone (la ditta in realtà è intestata alla moglie di Mario Giuseppe).
Inoltre corre un vincolo di amicizia tra Sebastiano RAMPULLA e SCINARDO Mario Giuseppe cl. 1965, come veniva già evidenziato nell’informativa “Requiem” dei CC di Mistretta.
08.02.2001 – 26.03.2002 - la Compagnia CC di Sant’Agata Militello con le annotazioni del 08/02/2001 e del 26/03/2002, deferisce all’A.G. CASTROVINCI Roberto, ritenendolo responsabile di aver gestito la latitanza dell’EMMANUELLO.
29.11.2002 la Sezione A/C di Catania, nell’ambito dell’indagine DIONISIO, in località Salinelle, agro del comune di Caltagirone intercetta una conversazione tra LA ROCCA Francesco, Alfio MIRABILE, Francesco LIBRIZZI e Giuseppe LAURINO, questi ultimi responsabili degli stabilimenti della CALCESTRUZZI Spa di Termini Imerese (PA) e di RIESI (CL). Tra l’altro il LA ROCCA ed il MIRABILE concordano sulla necessità di avvisare “Daniele il ragazzo gelese per spostarlo”.
In definitiva: il contenuto dell’ambientale lascia comprendere il timore dei due catanesi che l’inopinato e sconsiderato comportamento del RAMPULLA e del TESTA CAMILLO, possano compromettere la latitanza del predetto Daniele, latitante nascosto nel territorio di competenza del RAMPULLA .
Gli accertamenti esperiti dalla Sezione A/C consentivano agevolmente di identificare il predetto Daniele nel latitante EMMANUELLO Daniele Salvatore cl. 1962 di Gela, ricercato inserito nell’elenco dei 30 latitanti più pericolosi in campo nazionale.
30.09.2003 Poco meno di un anno dopo rispetto alla conversazione tra presenti intercettata in contrada “Salinelle”, personale della Stazione Carabinieri di Mongiuffi Melia (ME) arrestava il pluripregiudicato, sorvegliato speciale, BILLIZZI Massimo Carmelo, nato a Gela (AG) il 06/04/1975,
Il BILLIZZI è notoriamente esponente di assoluto rilievo della famiglia EMMANUELLO di Gela.
Il BILLIZZI era stato infatti sorpreso alle ore 17.30 circa di quella data, in località Gallodoro, contrada Ciperone, sulla S.P. 11, mentre si trovava a bordo di autovettura in compagnia di TESTA CAMILLO Bartolomeo (il quale conduceva l’autovettura) e di STANZU’ Gabriele Giacomo, nato a Capizzi il 05/07/1960, residente ad Assoro (EN), in contrada Montagna nr. 4, celibe, allevatore.
A seguito della circostanza sopra descritta, i CC provvedevano a denunciare alla competente A.G. il TESTA CAMILLO e STANZU’ Gabriele Giacomo, per il reato di favoreggiamento personale nei confronti di BILLIZZI Massimo Carmelo.
Nella circostanza i due Capitini non avevano saputo fornire ai militari una credibile risposta circa i motivi della loro presenza, in provincia di Messina, in compagnia di un sorvegliato speciale della cosca EMMANUELLO di Gela.
24.02.2005 Conversazioni tra presenti nell’abitazione di Capo D’Orlando di BONANNO CONTI Armando. Quest’ultimo parla con TRAVIGLIA Benedetto. Alle 19.26, rif. conv. 1832 le accuse di TRAVIGLIA Benedetto si dirigono nei confronti del FRASCONA’ CANTALANOTTE. Quest’ultimo veniva accusato di recarsi ad una imprecisata Villa ad Aidone (En) dove, abusando di cocaina, avrebbe corso il rischio di rimanere coinvolto in un’indagine anti-droga che avrebbe potuto avere effetti devastanti per l’intero sodalizio. In questa circostanza il TRAVIGLIA consigliava ad Armando di non riferire nulla a “Nicola” del “fatto del latitante”. E’ opportuno evidenziare che la villa di Aidone alla quale il TRAVIGLIA fa riferimento è evidentemente il Casale Belmontino degli SCINARDO.
I due così parlavano nella conv. 1832.
A:- Armando BONANNO CONTI;
T:- TRAVIGLIA Benedetto.
T: . . . gli devi dire a quel dottore che questo per telefono parla, . . . . digli che si mette nei guai perché non è che parla con te, parla con gli altri e parla di te. Hai capito? Questo . . . non so . . .Nicola, . . . forse tu non hai capito Armando . . eh! Forse tu sai cos’è, siccome tu vivi qua, non sai le cose che combina Nicola. Nicola si reca alla villa . . . inc. . . .si va a mettere con la cocaina, poi parla al telefono la . . .inc. . . la cosa . . . Se a questo lo indagano per droga . . .e poi Aidone, ad Aidone . . . hanno . . se a questo lo indagano per droga questi pensano che ci siamo pure noi, fra tutte queste telefonate, questi che pensano che dobbiamo fare la mangiata . . . . perché quel fatto del latitante lo sappiamo io e tu, prima c’ero in mezzo pure io, ma poi ti ricordi che qua, da quando l’abbiamo sfrattato, non si è saputo più nulla, ne ho parlato solo con te . . . mi capisci?
A: Eh!
T: C’è o non c’è un latitante .
CADE IL COLLEGAMENTO
(Cfr. conversazione tra presenti in allegato T/2-14)
La conversazione proseguiva poi tra i due indagati con una lunga disquisizione circa le non floride condizioni economiche-finanziarie, del momento, del TRAVIGLIA.
Febbraio 2005 / anno 2006 – indagine “MONTAGNA”, che accerta il vincolo di amicizia tra CASTROVINCI Roberto, TESTA CAMILLO Bartolomeo e STANZU’ Gabriele Giacomo, tutti soggetti coinvolti a vario titolo, negli anni, nella vicenda EMMANUELLO.
07.03.2005 telefonate 611, 612, 616 e 642 registrate sul telefono di TESTA CAMILLO Bartolomeo dall’ascolto della quale si evince che Bartolo è stato convocato presso gli uffici della Squadra Mobile di Caltanissetta (ispettore TAIBBI). Verosimilmente quell’Ufficio aveva necessità di disattivare una microspia collocata all’interno dell’autovettura del TESTA CAMILLO per ragione di indagine, presumibilmente relative al procedimento penale nr. 4597/01 RGNR della DDA di Caltanissetta, denominata “CARPE DIEM”, finalizzata proprio alla cattura di EMMANUELLO Daniele.

Latitanza di FAZIO:
Nella seconda decade del mese di ottobre 2003 una serie di fatti acquisiti tramite le investigazioni del procedimento c.d. Scipione evidenziavano che Sebastiano RAMPULLA e persone/familiari allo stesso vicine fossero coinvolti nella gestione di un affare decisamente illecito, con ogni verosimiglianza consistente nella protezione di un latitante di mafia, comunque di qualcuno la cui identità andava salvaguardata ad ogni costo. L’obiettivo “protetto” veniva volta per volta identificato col termine convenzionale di “bambina” o di “cane”.
Tutto veniva a ruotare intorno al Casale Belmontino di Aidone (EN).
La vicenda aveva inizio alle ore 18.52 del 19 Ottobre, allorquando sull’utenza 335/649.... del RAMPULLA interveniva la seguente conversazione intercorsa con il cugino Pietro IUDICELLO.
Telefonata del 19.10.2003 delle ore 18.52 in entrata all’utenza 3356... generata dall’utenza 3203872293. Interlocutori: RAMPULLA Sebastiano (chiamato) e IUDICELLO Pietro (chiamante). Integrale:
IUDICELLO Pietro (che sembra essere in compagnia di altro uomo) telefona a RAMPULLA Sebastiano:
RAMP: - Pronto
IUDI: - Pronto, cugì
RAMP: - Ouh! Pie', come sì?
IUDI: - Io buono! Ma dice che c'è 'a picciridda malata doccu! Hai chiamato il dottore? (accavallamento di voci-tratto incomprensibile)
IUDI: - Ah,no! Che ne sò; mi hanno detto: dice che ci stà andando il dottore da tuo cugino perchè c'è la picciridda malata....
RAMP: - Uhh!
IUDI: - 'U capisti?
RAMP: - Si, si!
IUDI: - Avanti, vah! Allora niente! Ti salutai vah!
RAMP: - Statti buono vah!
IUDI: - Statti buono, ciao.
(si intuisce che IUDICELLO ha inteso inviare un messaggio codificato al cugino Sebastiano).
(vds. Allegato nr. 31/26)
Era evidente che lo IUDICELLO avesse inteso inviare un messaggio convenzionale al chiamato informandolo che “LA PICCOLA ERA AMMALATA” e che IUDICELLO voleva essere certo che l’interlocutore avesse bene compreso la natura del messaggio.
Alle successive 20.06 Sebastiano RAMPULLA si trovava in compagnia di una donna, quest’ultima successivamente identificata in IUDICELLO Giuseppa, nata a Ramacca (CT) il 20/02/1949, ivi residente in via Roma nr. 58, sorella del più noto Pietro.
La donna, utilizzando l’utenza 335/64.... in uso al RAMPULLA, telefonava al marito ZAPPALA’ Luciano, nato a Ramacca (CT) il 16/01/1947, avente in uso l’utenza 338/91....
Il tentativo non aveva buon esito e veniva perciò registrato lo scambio verbale di sottofondo tra la donna ed il RAMPULLA. I due così parlavano:
Libero non risponde. In attesa di risposta una donna dice a Sebastiano…io ho problemi nuovamente con il rene…ma può essere che c’è tutta questa confusione fuori e per…manco danno conto?…e Sebastiano risponde:…a quest’ora sono già in incomp…perchè quando lui mi ha chiamato io sentivo il cinema…di persone…incomp…La donna dice: comunque lui (ZAPPALA’ Luciano, coniuge della chiamante) adesso trova la chiamata, sa che io mi sento male.
L’ascolto preliminare di queste due conversazioni consentiva d’ipotizzare che fosse accaduto qualcosa, tuttavia l’intervento sulla scena dei coniugi ZAPPALA’ contribuiva a confondere le idee degli investigatori.
A confermare però che alla base di quegli scambi vi fosse qualcosa di poco chiaro contribuiva un commento intercettato alle 20.08 sempre tra Sebastiano RAMPULLA e IUDICELLO Giuseppa, allorquando il primo riferiva alla donna di essere stato avvisato di una visita del dottore “per la bambina che stava male”.
Il RAMPULLA aggiungeva anche che stava tentando di comprendere chi avrebbe potuto esserci dietro la notizia.
Al terzo tentativo, sempre effettuato con l’utenza 335/649.... di RAMPULLA Sebastiano, la donna riusciva a contattare il coniuge. Erano le ore 20.13 del 19 ottobre.
La donna ingiungeva al marito di rientrare immediatamente, lasciando intendere di non poter parlare al telefono.
In sottofondo si sentiva Sebastiano riferire alla donna: ”GIA’ MI E’ VENUTO L’AMARO, IL TEMPO DELLA STRADA…INCOM….A MENO CHE QUALCUNO NON GLI HA MESSO QUALCOSA NELLA MACCHINA”. 
Alle successive h. 20.58 Sebastiano RAMPULLA telefonava al Casale Belmontino, conferendo con tale RAIMONDO colà impiegato, al quale chiedeva se suo cugino Pietro IUDICELLO si trovasse presso la struttura.
RAIMONDO rispondeva che lo IUDICELLO non era presente.
Alle 21.42 il RAMPULLA telefonava nuovamente a RAIMONDO informandosi se ci fosse il “principale” (Pippo SCINARDO, ndr). Avuta risposta affermativa, il RAMPULLA ordinava all’interlocutore di riferire a “Pippo” che lui (il RAMPULLA) sarebbe andato subito da lui e pertanto “Pippo” avrebbe dovuto attenderlo. 
L’incalzare degli eventi ed il contenuto criptico delle conversazioni lasciava intendere che tra Caltagirone (T) ed Aidone (EN) stesse accadendo qualcosa d’importante che andava comunque preservato da eventuali intercettazioni in atto. Tanto a giustificare il linguaggio convenzionale adottato.
Infatti alle 21.52, sull’utenza 335/64..., veniva intercettata una conversazione nella quale Sebastiano RAMPULLA ingiungeva alla cognata SOMMA Assunta di riferire a suo figlio (della SOMMA, ndr) Vito RAMPULLA, di non recarsi a lavorare per un paio di giorni (al Casale Belmontino, ndr).
Nella giornata del 20 ottobre sull’utenza 335/64... venivano censurate altre due conversazioni rispettivamente alle ore 9 e alle 19.24. Nella prima Sebastiano RAMPULLA, con il pretesto di dovergli mostrare delle carte, invitava la sorella a raggiungerlo.
Nella seconda lo “zio Bastiano”, mentre si trovava in compagnia di Pietro IUDICELLO, improvvisamente lasciava partire una telefonata con il proprio cellulare.
Veniva perciò intercettato uno scambio tra i due cugini che s’interrompeva improvvisamente non appena il RAMPULLA s’accorgeva dell’errore commesso. A quel punto l’indagato esclamava “STIAMO ATTENTI CHE QUA…CHIUDI…CHIUDI…”.
Tale situazione d’emergenza si protraeva anche nei giorni 21 e 22 ottobre seguenti in quanto venivano intercettate altre conversazioni i cui contenuti palesavano uno stato di seria tensione da parte degli indagati.
Precisamente:
Giuseppe IUDICELLO, figlio di Pietro, telefonava alla ex moglie, pregandola di prendersi cura della propria figlia in quanto nei due giorni seguenti sarebbe stato occupato (rif. conv. delle ore 12.00 e 12.09 del 21 ottobre intercettata sulla utenza 335/6498885 in uso a RAMPULLA Sebastiano evidentemente in quel momento in compagnia del nipote);
RAMPULLA Sebastiano si raccomandava con SOMMA Assunta, coniuge del detenuto Pietro, affinché il figlio Vito ricordasse di acquistare “quelle siringhe da fare a quel cane” (rif. conv. delle ore 07.47 del 22 ottobre censurate sul 335/6.... in uscita per il 0933/29....);
Tali affermazioni paiono in contrapposizione rispetto a quelle formulate appena 24 ore prima.
Questa volta non era più la “picciridda” ad essere malata, bensì era un “cane” a necessitare di “iniezioni”.
Tale ipotesi trovava ultima e definitiva conferma in due distinte conversazioni telefoniche censurate alle ore 10.30 e 10.31 del 22 ottobre sulla utenza 335/649.... In entrambe, prima che avvenisse la risposta RAMPULLA Sebastiano, una donna ed un uomo sconosciuti in sua compagnia, commentavano in sottofondo:
Conv. 11.30.
S: Sebastiano RAMPULLA
S: “NON SI FA’ INCASTRARE” (frase detta in dialetto riferita presumibilmente a qualcuno che non deve farsi prendere).
Conv. 11.31.
D: Donna
U: Uomo
S: Sebastiano
D: DI SERA E’ PASSATO DI QUA
U: CHI QUESTO?
S: PER NASCONDERSI
U: NO, NON PRENDE, NON È…..
D: CORICATI DAL LATO MIO DI QUA E’ PASSATO
Nelle ore e nei giorni seguenti l’emergenza affrontata dagl’indagati s’andava evidentemente attenuando, chiaro segno che le cautele e la pronta reazione adottata dagl’indagati nell’affrontarla avevano sortito gli effetti sperati.
ambientale 24.02.2005: si capisce a chiare lettere che TRAVIGLIA Benedetto, BONANNO CONTI Armando e FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò sono interessati alle vicende di un latitante.
10.09.2005 ore 10.24 e ore 21.14 PARISI Alfio, parlando con FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò, dimostra la necessità di conferire con una terza persona non meglio identificata, ma che è raggiungibile tramite tale Peppe originario dell’ennese. L’11.09.2005 i due si danno appuntamento al bivio di San Filippo di Agira. Parlando tra loro dicono che Peppe si è spostato in località della provincia di Enna denominata “Le Madonie”. Danno a vedere di non conoscere bene dov’è sita tale località. Il PARISI afferma che informazioni in proposito le chiederà a tale Michele e/o tale Giacomo. Nella stessa mattinata, FRASCONA’ CANTALANOTTE, che vuole avere “il recapito telefonico di Peppe”, telefona a PRINZI Giacomo (il Giacomino delle ore 21.14). A questi chiede il recapito di Peppe TRADENTA. Giacomo dice di non conoscerlo, ma che certamente lo conoscerà “Michele”. FRASCONA’ CANTALANOTTE chiede pertanto a PRINZO di contattare Michele affinché questi fornisca il recapito telefonico di Peppe TRADENTA ed infatti poco dopo PRINZO richiama FRASCONA’ e gli fornisce due recapiti radiomobili del Peppe.
FRASCONA’ CANTALANOTTE chiama quindi il TRADENTA. Risponde il figlio che con estrema circospezione riferisce che il padre si era trasferito a Villarosa (EN). Grazie a tali indicazioni FRASCONA’ CANTALANOTTE può conferire con Peppe TRADENTA. Questi fa subito capire che non poteva consentire che il PARISI “andasse lì sotto” (avesse, cioè un colloquio diretto con la persona che si nascondeva). FRASCONA’ CANTALANOTTE lo tranquillizza dicendo che PARISI intendeva parlare brevemente solo con esso TRADENTA e che solo se fosse stato necessario avrebbe incontrato (in campagna) “quella persona”.
FRASCONA’ CANTALANOTTE telefona a PARISI e con lo stesso concorda l’itinerario per raggiungere Villarosa. Una volta insieme i due incontrano il TRADENTA.
Nella tarda mattinata FRASCONA’ CANTALANOTTE chiama per telefono CAMMARATA Michele, cui dice che di li a poco lo raggiungerà assieme a PARISI e MANCUSO TRADENTA. Nel primissimo pomeriggio FRASCONA’ CANTALANOTTE e PARISI contattano il ROSSANO, figlioccio del PARISI, che viene invitato a raggiungere gli altri, per il pranzo, nella casa di campagna del CAMMARATA. Rossano manifesta la sua impossibilità ad essere presente e FRASCONA’ CANTALANOTTE ribatte che comunque si sarebbero visti a metà strada in quanto esso, FRASCONA’ CANTALANOTTE, doveva parlargli. Mentre FRASCONA’ CANTALANOTTE, PARISI e CAMMARATA sono ancora insieme telefonano al colonnello CARDILLO e parlano di una riunione politica. Il CARDILLO afferma, tra l’altro, di trovarsi nei pressi di Belmontino dove c’è l’amico SCINARDO.
I controlli di Polizia sul conto di CAMMARATA ci dicono che lo stesso è in rapporti con FRASCONA’ CANTALANOTTE da lungo tempo e che il 21.05.2005 all’interno della sua azienda agricola in comune di Enna i CC avevano effettuato una perquisizione alle ricerca di DI FAZIO Umberto.
I CC di Messina avviavano servizi di osservazione presso la tenuta di CAMMARATA, ove il 01.10.2005 veniva registrata nuovamente la presenza di PARISI Alfio, questa volta accompagnato da SINATRA Rosario alias Rossano. Nella stessa occasione veniva accertata la presenza di SCINARDO Giuseppe cl. 1938.
Nei giorni seguenti proseguono i contatti FRASCONA’ CANTALANOTTE - MANCUSO TRADENTA e FRASCONA’ CANTALANOTTE - PARISI.
In una di tali conversazioni PARISI chiede a FRASCONA’ CANTALANOTTE di intervenire su Peppe SCINARDO a chè questo lo chiami. FRASCONA’ CANTALANOTTE non dà i recapiti di SCINARDO e dice che ne avrebbero parlato il giorno seguente.
I CC mettono sotto osservazione il Casale Belmontino ed altre proprietà degli SCINARDO.
Nella notte tra il 22 e 23 ottobre DI FAZIO viene arrestato proprio in comune di Agira. Una delle persone che a lui si accompagna in quel momento è imparentata con gli SCAMMINACI. Costoro, ed in particolare SCAMMINACI Giovanni cl. 1966, nei mesi precedenti avevano avuto ripetuti contatti anche con TESTA CAMILLO Bartolomeo.
Conclusioni.
Per certi versi specularmente alla vicenda relativa al latitante EMMANUELLO Daniele Salvatore cl. 1963, anche per la vicenda DI FAZIO, si ha motivo di ritenere che il medesimo circuito mafioso di allevatori abbia contribuito a garantire il supporto logistico al latitante catanese.
In tal senso determinanti sono le documentate reciprocità tra gli stessi allevatori, chiaramente “a disposizione” di “Cosa Nostra” per fornire il loro aiuto per qualsiasi ricercato dell’organizzazione, indipendentemente dall’area geografica di provenienza.
Gli elementi identificati che si ritiene abbiano svolto o svolgano questo tipo di servigio per conto di “Cosa nostra”, sono:
TESTA CAMILLO Bartolomeo;
CASTROVINCI Roberto;
STANZU’ Gabriele Giacomo;
CAMMARATA Michele;
MANCUSO TRADENTA Giuseppe;
SCINARDO Giuseppe cl. 1938;
SCINARDO Mario Giuseppe cl. 1965;
FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò;
SCAMINACI Giovanni, classe 1966;
BONANNO CONTI Armando.
Dalla lettura dei suddetti nomi è evidente la comune origine Capitina/Nebroidea degli stesso, nonché la consolidata riconducibilità a Sebastiano RAMPULLA.

Di seguito le posizioni dei singoli indagati:

FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò

06/04/1992 alle ore 19.30, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati in via Roma di Capizzi (ME) unitamente a TESTA CAMILLO Giuseppe cl. 1954, RUSSO PAPO Domenico cl. 1962 e SCINARDO ALESI Antonino, nato a Capizzi (ME) il 14/01/1967;
06/05/1992 alle ore 08.30, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati in via Roma di Capizzi (ME), unitamente a TESTA CAMILLO Giuseppe, nato a Capizzi l’08/08/1954;
14/11/1992 FRASCONA’ notato in Capizzi con BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
05/06/1993 Il FRASCONA’ CANTALANOTTE risulta essere stato notato alle ore 08.35 di quella data mentre recava a salutare il pregiudicato mafioso TAMBURELLO Giovanni cl. 1922, all’epoca capo indiscusso della famiglia mafiosa di Mistretta, presso il circolo dei nobili di quel centro. (cfr. annotazione di P.G. del 05/06/1993, redatta dai CC di Mistretta in allegato 48)
06/1993 – 09/1994 FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò, al pari di TESTA CAMILLO Bartolomeo, intrattiene, nel detto periodo, documentati rapporti con i trapanesi e con il palermitano colà sottoposti all’obbligo di dimora.
Precisamente:
01.06.1993 FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò è stato controllato con BADALAMENTI Isidoro;
03.07.1993 FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò è stato controllato con BADALAMENTI Isidoro;
23.09.1993 FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò è stato controllato con BADALAMENTI Isidoro;
23.09.1993 FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò è stato controllato con BADALAMENTI Giovambattista;
23/09/1993 alle ore 11.40, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati in via Roma, presso il bar “Giacomino” del comune di Capizzi (ME), mentre si trovavano in compagnia del pluripregiudicato mafioso BADALAMENTI Isidoro, nato ad Alcamo il 10/01/1940, ivi residente, con obbligo di dimora a Capizzi in via E. Berlinguer snc;
14/10/1993 e 20/07/1998 – dalle dichiarazioni di GALATI GIORDANO risultano rapporti tra i BERNA NASCA e CALANDRA nonché tra i BERNA NASCA e FRASCONA’, che era stato capocantiere per l’appunto in lavori gestiti dai BERNA NASCA.
16/10/1993 alle ore 10.30, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati in via Roma, del comune di Capizzi (ME), mentre si trovavano in compagnia dei pluripregiudicati, mafiosi, BADALAMENTI Isidoro, nato ad Alcamo il 10/01/1940, ivi residente, con obbligo di dimora a Capizzi in via E. Berlinguer snc, e BADALAMENTI Giovanbattista, nato ad Alcamo il 10/01/1945, residente a Partitico (PA) in via Goldoni nr. 3, coniugato, sottoposto anch’egli ad obbligo di dimora presso lo stesso indirizzo del fratello.
Vale evidenziare che i due BADALAMENTI sono i figli del più noto capomafia Gaetano, recentemente deceduto negli Stati Uniti.
26/10/1993 Verbale di s.i. rese alle ore 09.30 del 26/10/1993 da FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò ai CC della Stazione di Capizzi (ME) nelle quali l’indagato dichiarava:
di svolgere, da circa cinque anni, l’attività di mediatore per la compra-vendita di terreni, macchine e tutto ciò che capitava;
di non aver mai esercitato l’attività d’impresario e di non possedere alcun mezzo per esercitare detta attività;
di aver lavorato per circa un mese, nell’anno precedente, alle dipendenze dell’impresa edile di TESTA CAMILLO Bartolomeo, in relazione all’esecuzione di una strada nel comune di Tusa o Pettineo;
di svolgere la suddetta attività di mediatore nelle zone di Sant’Agata di Militello, Santo Stefano di Camastra ed aree limitrofe;
di lavorare in quel periodo con il suo amico MANCUSO CATARINELLA Sebastiano nelle aziende agricole di quest’ultimo ubicate rispettivamente nell’agro di Cerami (EN) e di Capizzi.
(v. allegato nr. 49 all’informativa).
20/02/1994 alle ore 16.30, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati in via Aldo Moro di Capizzi (ME), all’interno del bar “CALANDRA Sebastianella Giacomo” mentre erano in compagnia di BUCCAFUSCA Salvatore, nato a Palermo il 27/04/1953, ivi residente in via della Croce Rossa nr. 32, coniugato, mafioso, sottoposto ad obbligo di dimora nel comune di Capizzi;
13/04/1996 Stazione CC Capizzi segnala frequentazioni tra BONANNO CONTI Armando, CALANDRA e FRASCONA’
Anno 1998 Indicato dal collaboratore GALATI GIORDANO Orlando quale uomo di assoluta fiducia per CALANDRA, al pari di BONANNO CONTI Armando
08/06/1998 FRASCONA’ CANTALANOTTE e la moglie MANCUSO CATARINELLA vengono denunciati e successivamente condannati, per aver favorito la latitanza di PARISI Alfio da Paterno’, esponente di spicco della famiglia ALLERUZZO, nascosto proprio nell’abitazione della coppia in via Roma nr. 150 di Capizzi (i contatti di natura mafiosa tra il FRASCONA’ CANTALANOTTE e il PARISI proseguono tutt’oggi).
Il PARISI è risultato nel corso delle indagini in stretto contatto con tale “ROSSANO”, il quale è risultato anch’egli in contatto con il FRASCONA’ CANTALANOTTE. Il “ROSSANO”, emerso già in “OMEGA” in quanto interessato a cartelli d’imprese in collaborazione per turbare i pubblici incanti, si identifica in SINATRA Rosario classe 1973.
17/06/1998 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930, PRINCIPATO TROSSO Giuseppe, suocero di TESTA CAMILLO e tale FASCETTO SIVILLO.
25/06/1998 alle ore 09.59, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati in Piazza Mercato di Capizzi (ME) unitamente a FAZIO Nunzio Antonino cl. 1965, TESTA CAMILLO Mario cl. 1973, CALABRESE Luigi Giacomo cl 1967, tutti interessati al presente procedimento;
26/06/1998 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
28/06/1998 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
06/05/2002 alle ore 19.45 circa, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati all’interlo del bar “SPAGNA” di via Roma di Capizzi (ME);
21/06/2002 alle ore 20.00, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati in via Roma di Capizzi, unitamente a RUSSO PAPO Domenico, nato a Capizzi (ME) il 17/01/1962;
13/05/2003 FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò viene controllato assieme a BONANNO CONTI Armando in Sant’Agata di Militello dalla Polizia del luogo.
14/05/2003 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Michele cl. 1945 e TESTA CAMILLO Bartolomeo
24/05/2003 alle ore 17.40, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati davanti al Banco San Paolo di Capizzi (ME), intenti a conversare con BERNA NASCA Michele, nato a Capizzi (ME) il 13/12/1945;
11/07/2003 Risulta da controlli nell’ambito dell’indagine SCIPIONE che BERNA NASCA Michele classe 1973, per un verso, e FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò, per un altro, hanno contattato telefonicamente, da cabine pubbliche di Acquedolci e Capizzi, RAMPULLA Sebastiano, con il quale veniva concordato un appuntamento per il giorno successivo in Catania-Archi della Marina. Il giorno seguente, come documentato dai Carabinieri del ROS di Messina, l’incontro aveva luogo e veniva verificata la presenza di: RAMPULLA Sebastiano, IUDICELLO Pietro, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò giunto sul posto con autovettura di proprietà del BERNA NASCA
28/07/2003 la DIA di Catania controlla in Catania Piazza Palestro RAMPULLA Sebastiano, IUDICELLO Pietro, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e BERNA NASCA Michele cl 1973.
01/09/2003 alle ore 19.30, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati in via Roma di Capizzi (ME) intenti a discutere tra loro;
07/10/2003 il FRASCONA’ è controllato in Catania dai CC mentre si trova assieme agli arcinoti IUDICELLO Pietro, MIRABILE Alfio e BUSCEMI Giovanni
13/12/2003 osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
2003/2004 interessato nell’indagine “SCIPIONE” del R.O.S. di Messina (Vds nota alla data 21.11.2005)
Anno 2004 istanza di fallimento del Monte di Paschi nei confronti della “Srl DORATA DI SICILIA” amministrata da FRASCONA’.
15/01/2004 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Michele cl. 1945.
04/02/2004 alle ore 19.20, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati in un circolo privato ubicato in piazza Umberto I di Capizzi (ME), intenti a giocare a carte tra loro unitamente a CRISCI’ Damiano, nato a Caronia (ME) il 13/05/1963;
03/03/2004 FRASCONA’ CANTALANOTTE viene osservato tra Mistretta e Nicosia assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl 1930
27/03/2004 FRASCONA’ CANTALANOTTE viene osservato a Enna assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl 1930 e tale RUSSO Michele.
07/04/2004 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
09/04/2004 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
14/05/2004 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
20/05/2004 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
26/05/2004 FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò quale amministratore unico della “DORATA DI SICILIA Srl” cede un ramo d’azienda a BERNA NASCA Michele cl. 1973.
01/08/2004 il FRASCONA’ viene controllato dai CC di Capizzi assieme a CALANDRA Giuseppe.
06/08/2004 FRASCONA’ viene controllato in Capizzi assieme a CALANDRA Giuseppe
2005/2006 ARMELI Vincenzo, nell’anno 2005-2006 è risultato essere sentimentalmente legato a COCI Rosaria, nata a Sant’Agata di Militello (ME) il 01/08/1986, figlia del più noto pluripregiudicato COCI Sebastiano, nato a Tortorici (ME) il 07/04/1961.
Come verrà chiarito nella parte in cui ci si occuperà della vicenda del “metano”, FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò, al fine di entrare in contatto con i vertici criminali dei “Batanesi”, si sarebbe rivolto proprio a COCI Sebastiano, il quale a sua volta avrebbe incaricato di creare il “contatto” con GALATI GIORDANO Vincenzo, proprio l’ARMELI.
08/03/2005 TRAVIGLIA Benedetto e BONANNO CONTI Armando parlano dell’imminente viaggio per la Sicilia di BLANCUZZI Antonino, commentando che quest’ultimo avrebbe dovuto essere in compagnia di un killer noto ad entrambi (MALENA Fernando) e che l’auto trasportata conteneva merce occultata.
Aggiungono che:
il loro amico TIMPANARO Giuseppe stava effettuando con il TRAVIGLIA il recupero di alcuni crediti;
TRAVIGLIA il giorno seguente dovrebbe recarsi ad un incontro e che “in mezzo” c’era anche FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò, presenza non gradita al TRAVIGLIA;
che il BLANCUZZI, atteso dai due, invece di giungere in nottata, come previsto, arriverà il giorno seguente.
10/03/2005 Dalle conversazioni intercettate all’interno dell’abitazione di BONANNO CONTI Armando tra questi e TRAVIGLIA si desume che il FRASCONA’ e BERNA NASCA Michele cl. 1973 sono soliti tirare assieme cocaina.
25/03/2005 sino al 15/03/2006. Conversazioni telefoniche da cui si trae l’inserimento del FRASCONA’ nelle imprese facenti capo a BERNA NASCA (foglio 158 e159 informativa). Estremamente utili sul punto sono anche le conversazioni del 23.08.2005, 25.08.2005, 26.08.2005, 12.09.2005, 22.09.2005, 09.11.2005, 22.11.2005, 25.11.2005, 13.12.2005, 21.12.2005, 04.01.2006, 05.01.2006 e 15.01.2006 di sui ai fogli 174-180 dell’Informativa
04/2005 I rapporti di CALABRESE Antonino con BONANNO CONTI e con FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò emergono bene dalla vicenda NARO (foglio 632 e seguenti informativa). Costui appare come sottoposto ad usura da parte del CALABRESE e ad un certo punto, per contenerne le pretese, particolarmente vivaci dopo che era stato protestato un assegno presentato all’incasso dalla moglie, il Calabrese si induce a chiedere l’intervento in suo favore di elementi tortoriciani che non sono identificati ma sono verosimilmente da identificare in TRUSSO ALO’ Armando e i fratelli COSTANZO ZAMMATARO. Ciò complica ulteriormente le cose, per cui il NARO è costretto a rivolgersi a BONANNO CONTI e FRASCONA’ CANTALANOTTE per comporre l’intera vicenda. A questo scopo il 15/04/2005 NARO – FRASCONA’ CANTALANOTTE e BONANNO CONTI si recano a Catania. Il NARO resta per un certo tempo da solo e si riunisce agli altri due allorquando ha compiuto delle incombenze che non sono individuate esattamente, ma che hanno comportato per terze persone non individuate “l’assunzione di impegni”. A Catania il 20/04/05 faranno ritorno, con lo scopo di “comprare” assegni necessari per sistemare la posizione del NARO, il BONANNO CONTI, il FRASCONA’ CANTALANOTTE e SCAVONE Giuseppe. A fornirli sarà IMPELLIZZERI Salvatore cl. 1961. La circostanza che dopo il 20 aprile non si faccia più alcun accenno alle traversia economiche del NARO, lascia supporre che l’intervento di BONANNO CONTI e FRASCONA’ CANTALANOTTE sia stato efficace.
05/04/2005 dal 5 aprile al 3 maggio del 2005 intervengono numerosi contatti telefonici tra TESTA CAMILLO Bartolomeo, MUGAVERO Rosario Santo di Leonforte, ROMANO Salvatore di Leonforte, CALABRESE Luigi Giacomo di Capizzi, FAZIO Antonino ed altri soggetti secondari. Dalle conversazioni si trae che TESTA aspira concretamente ad accaparrarsi lavori di Arredo Urbano del comune di Capizzi (b.a. 250.000,00 euro circa) che finiranno poi aggiudicati alla PALLADIUM di Licata. La frenetica attività di TESTA cesserà soltanto allorquando apprenderà da FAZIO che la ditta vincitrice era vicina a FRASCONA’.
08/04/2005 alle ore 20.05, all’interno dello stesso circolo ricreativo di piazza Umberto I di Capizzi (ME) FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò e TESTA CAMILLO Bartolomeo venivano notati in compagnia di CALANDRA Francesco Gaetano, nato a Capizzi (ME) il 04/10/1956, comandante dei Vigili Urbani, già avvisato orale.
26/04/2005 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
04/2005 FRASCONA’ CANTALANOTTE ha bisogno di buste d’appoggio per un lavoro stradale dell’importo di 250.000,00 euro. BONANNO CONTI gli fa da spalla in tale attività. I due contattano CALABRESE Antonino e con questi si recano nei locali dell’impresa NEBRODI INERTI di cui è amministratore unico TUMEO Beniamino. Nei giorni successivi FRASCONA’ cerca di assicurarsi tramite BONANNO che il CALABRESE ha fatto tutto quanto gli era stato chiesto. Risulta anche che sempre per lo stesso motivo BONANNO e FRASCONA’ si recano a trovare PINZONE VECCHIO Salvatore cl. 1966 nei locali aziendali a Reitano. Anche il PINZONE VECCHIO finisce per mettersi a disposizione nonostante abbia premesso di non disporre delle categorie necessarie per partecipare alla gara. Tra una cosa e l’altra FRASCONA’ riferisce a BONANNO che un suo nipote – FAZIO Francesco – è in grado di controllare presso la stazione appaltante il flusso di arrivo delle buste. Ulteriori contatti tra FRASCONA’ e i fratelli Antonino e Salvatore PINZONE VECCHIO. Attività del FRASCONA’ e del BONANNO per fare pervenire all’impresa BONINA di Brolo documenti necessari al fine di ottenere anche da questa impresa una o più buste di appoggio. L’emissario nei confronti del BONINA è PINZONE VECCHIO Antonino. E’ importante sottolineare come le due persone che maggiormente si adoperano (FRASCONA’ e BONANNO) nella vicenda non risultano essere imprenditori, per cui tutto fa presumere che agiscano in nome e per conto dei BERNA NASCA, con i quali hanno consolidati rapporti.
05/2005 Emblematica nei rapporti FRASCONA’ - famiglia BERNA NASCA è la vicenda dei lavori di ampliamento dei piazzali di sosta degli aeromobili presso l’aeroporto di Catania Fontanarossa (fogli 180 e seguenti informativa). La gara relativa, nel maggio 2005, viene vinta dalla Srl KRUBER di Nicosia. Tra le imprese partecipanti compaiono altri imprese riferibili ai BERNA NASCA, in particolare Michele. La KRUBER Srl risulta riferibile anch’essa ai BERNA NASCA. L’impegno diretto di costoro dei lavori in questione risulta del resto dall’esame dei tesserini di accesso aeroportuale e dalla presenza di mezzi di lavoro di proprietà di imprese loro riconducibili. Di tali lavori e quindi dell’inserimento degli stessi anche del FRASCONA’ traccia è possibile rinvenire nelle telefonate del 15/01/2006 – 05/01/2006 – 04/01/2006.
6/2005 TESTA CAMILLO Bartolomeo procede ai lavori di realizzazione di un lago artificiale in contrada Savarino di Regalbuto (EN). Proprietario del terreno e titolare dei finanziamenti relativi è tale FASCETTO SIVILLO Giuseppe, anche lui di Capizzi e, stando alle risultanze degli OP/85 soggetto molto vicino a CALANDRA, FRASCONA’ CANTALANOTTE, RAMPULLA ecc.. Dal controllo telefonico del TESTA CAMILLO si apprende che non specificati “amici di Nicola”, e tale “Rossano” erano alla ricerca di TESTA CAMILLO. Dalle conversazioni 16 e 17/06/2005 – sempre sull’utenza di TESTA CAMILLO – si comprende che il disturbatore Nicola altro non è che FRASCONA’ CANTALANOTE, che inopinatamente vuole inserirsi in una faccenda che non lo riguarda e che allo scopo si avvale di altre persone. FASCETTO SIVILLO appare molto cauto e sostanzialmente consiglia TESTA CAMILLO di non dare eccessiva confidenza al FRASCONA’ CANTALANOTTE e di trattare possibilmente con le persone che a lui si accompagneranno. Da successive conversazioni sul telefono del FRASCONA’ CANTALANOTTE si apprende che i soggetti che gli fanno da spalla nella vicenda sono PARISI Alfio e SINATRA Rosario detto “Rossano”. Gli appetiti di tali soggetti si giustificano facilmente col fatto che gli stessi sono i responsabili territoriali di “Cosa Nostra” per quella zona e che in fondo si tratta di applicare la regola nota secondo cui chi esegue lavori in un territorio, sia egli mafioso o meno, deve “mettersi a posto” con i rappresentanti della C.O. del luogo. (vedi in proposito conv. nr. 277 FRASCONA’ CANTALANOTTE e SINATRA del 20/07/2005 ore 10.24)
Da ulteriori controlli 22/07/2005 sull’utenza di TESTA CAMILLO emerge che sul cantiere si era presentata manodopera non richiesta e, soprattutto, che proprio in epoca prossima all’inizio dei lavori e all’inserimento di FRASCONA’ CANTALANOTTE, PARISI e SINATRA era sorto un debito tra il FASCETTO SIVILLO ed il PARISI-SINATRA, che il primo andava gradualmente adempiendo.
18/06/2005 SCIORTINO Santo veniva osservato in Capizzi in occasione della cosiddetta cavalcata di Sant’Antonio. Nel transitare a cavallo assieme ad ARCOVITA Francesco i due notano la presenza di FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò, arrestano i cavalli e salutano il FRASCONA’ CANTALANOTTE affettuosamente.
29/06/2005 FRASCONA’ CANTALANOTTE osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
03/07/2005 Interessato all’indagine “ERMES-DIONISIO” impiantata dall’A.G. di Catania con procedimento penale nr. 4707/2000 RGNR (conclusasi il 3 luglio 2005 con l’esecuzione di n. 80 O.C.C.) ove risultano i suoi rapporti con RAMPULLA Sebastiano.
07/2005 Sempre nel luglio 2005 (siamo in clima elettorale in vista delle elezioni regionali) FRASCONA’ CANTALANOTTE viene contattato dall’onorevole MADAUDO, che gli chiede aiuti elettorali in zona di Caronia.
FRASCONA’ CANTALANOTTE lo rassicura. Contatti tra il FRASCONA’ CANTALANOTTE e MADAUDO ci saranno anche il 20 luglio e il 9 e 29 settembre 2005.
In tale ultima occasione si accordano per un incontro il giorno successivo a Catania alla presenza anche del colonnello CARDILLO.
11/07/2005 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
17/07/2005 FRASCONA’ CANTALANOTTE avrebbe dovuto partecipare ad un incontro in Letojanni assieme ai fratelli Tullio e Ferruccio CARDILLO, rispettivamente Tullio Maresciallo della Gdf e Ferruccio colonnello dell’Esercito. Il FRASCONA’ CANTALANOTTE invita il CARRARA a partecipare alla festa di Capizzi offrendo eventualmente la sua ospitalità. Alla festa in questione sarà notata dai CC la presenza di TESTA CAMILLO, PRINCIPATO TROSSO Antonino, FRASCONA’ CANTALANOTTE, BONANNO CONTI, CALANDRA e BERNA NASCA Antonino cl. 1930. Nonostante si siano cercati a lungo, il CARRARA ed il FRASCONA’ CANTALANOTTE non riusciranno ad incontrarsi. I contatti tra il FRASCONA’ CANTALANOTTE ed il CARRARA passano attraverso il segretario di questi a nome Cataldo SCARDAVILLI. Quest’ultimo, in data 29.09.2005, rappresenta al FRASCONA’ CANTALANOTTE il bisogno di parlargli in merito a questioni che possono interessare l’onorevole Nanni RICEVUTO, indicato come compare (informativa, fol. 823).
20/07/2005 SCIORTINO Santo viene osservato dai CC unitamente a FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò, BONANNO CONTI Armando, ARCOVITA Francesco, CALABRESE Antonino “Perno”, MUSARRA AMATO Benedetto e PINSONE Salvatore presso il bar Alexander di Acquedolci.
21/07/2005 FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò riferisce a BONANNO CONTI Armando di avere visto SCIORTINO Santo a Capizzi ma non ancora l’ARCOVITA Francesco.
26/07/2005 Alla festa di Capizzi i CC notano la presenza di TESTA CAMILLO, PRINCIPATO TROSSO Antonino, FRASCONA’ CANTALANOTTE, BONANNO CONTI Armando, CALANDRA e BERNA NASCA Antonino cl. 1930.
04/08/2005 Al matrimonio di Filadelfio CALABRESE sono presenti: ARCOVITA Francesco, ARCOVITA Giovanni, BONANNO CONTI Armando, i fratelli BENEDUCE Umberto e Fabio, MUSARRA AMATO Benedetto. Tra gli invitati figurava anche FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò, poi non presente.
18/08/2005 dal 18 al 31 agosto 2005 intervengono numerosi contatti telefonici tra TESTA CAMILLO Bartolomeo, FARINELLA Vincenzo, FAZIO Antonino, CALABRESE Luigi Giacomo, FAZIO Francesco Antonino, ed altri soggetti secondari dovuti alla gara (b.a. 99.033,49 euro circa) dei lavori di sistemazione viabilità e piazzali antistanti l’edificio scuola elementare di Capizzi. Alla gara partecipano tutte le ditte della cordata TESTA CAMILLO ed anche ditte della cordata facente capo a FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò. A vincere è la ditta CONTICELLO Luigi di Cerami, espressione del gruppo BERNA NASCA e quindi di FRASCONA’ CANTALANOTTE. Tale aggiudicazione è mal digerita da TESTA CAMILLO e dal suo entourage che meditano di fare ricorso. Rinunciano allorquando comincia a circolare la voce che CONTICELLO è seriamente collegato a FRASCONA’ CANTALANOTTE (foglio 505 e seguenti dell’informativa).
31/08/2005 FRASCONA’CANTALANOTTE osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930.
8/2005 Agosto/settembre/ottobre 2005 telefonate (fogli 162-163) da cui si deduce la compartecipazione di Michele BERNA NASCA cl. 1973 alle vicende economiche della società “DORATA DI SICILIA Srl” e ad altri affari gestiti da FRASCONA’. L’aspetto legale delle vicende viene seguito dall’avvocato GRIPPALDI. I rapporti tra FRASCONA’ CANTALANOTTE e Michele BERNA NASCA cl. 1973 si ripropongono nella gestione dell’appalto per i lavori di arredo urbano del comune di Capizzi aggiudicati -tramite un’asta turbata- alla società “PALLADIUM” di Licata – in realtà collegata al FRASCONA’ – e poi eseguiti dal FRASCONA’, ARCOVITA Francesco, CALABRESE Antonino (vds. conversazioni di cui al foglio 257 e seguenti dell’informativa), CALABRESE Filadelfio e MUSARRA AMATO Benedetto detto “Bittu” – tutti collegati allo stesso FRASCONA’ – con il concorso del BERNA NASCA Michele che fornisce materiali e fatture false. Il ruolo centrale del FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò emerge dal fatto “che è stato lui a portare la busta da Licata” (pag. 224 informativa); è lui che intrattiene i rapporti con il direttore tecnico dei lavori, con il Sindaco e con il geometra dell’ufficio tecnico del comune; è lui che prende a noleggio i mezzi presso l’impresa RICCIARDELLO; è lui che da disposizioni agli operai; etc…
Agosto 2005 aprile 2006. La caratura del Frasconà si trae significativamente anche dai rapporti ch’egli dimostra di mantenere con e sponenti politici di rilievo, quali l’on. FAGONE già detto, l’on. Nuccio CARRARA, l’on. Nanni RICEVUTO, l’on. Basilio GERMANÀ ed il figlio di questi Nino e l’on. MADAUDO.
Quanto al CARRARA, la P.G. riferiva quanto segue ai fogli 816 segg. dell’informativa:
“Il 30 Agosto 2005, alle ore 10.00, rif. conv. 1870, Nicolò FRASCONA’ CANTALANOTTE telefonava all’Onorevole Nuccio CARRARA, rintracciando quest’ultimo sulla utenza 335/8162018, intestata a CARRARA Antonino, nato a Militello Rosmarino il 02/09/1950. “Nicola” invitava il chiamato alla festa (cavalcata) di Capizzi. L’Onorevole confermava la propria adesione all’invito chiedendo a che ore sarebbe dovuto arrivare in paese. “Nicola” rispondeva che se avesse desiderato effettuare la “cavalcata”, sarebbe dovuto salire a Capizzi nella notte tra l’1 ed il 2 Settembre seguente, altrimenti avrebbe potuto raggiungere il comune Nebroideo per le ore 16.00 dello stesso 2 Settembre, quindi domandava al CARRARA se avrebbe desiderato pernottare a Capizzi. Il politico rispondeva di essere impossibilitato ad intrattenersi per la notte. A conclusione di conversazione, “Nicola” riferiva all’interlocutore di essersi incontrato con tale “CATALDO” in un paio di giorni addietro e per tale motivo avrebbero dovuto discutere di una certa questione.
Il 02 Settembre 2005, questa Sezione A/C predisponeva un servizio di O.C.P. in Capizzi, al fine di documentare la partecipazione alla c.d. “Cavalcata” di elementi indagati nel presente procedimento. Infatti veniva acclarata la presenza di:
TESTA CAMILLO Bartolomeo;
PRINCIPATO TROSSO Antonino;
FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò;
BONANNO CONTI Armando;
CALANDRA Giuseppe Antonino cl. 1946.
In tale ambito veniva accertata anche la presenza dell’onorevole Nuccio CARRARA, il quale, per buona parte della manifestazione si intratteneva in compagnia del sindaco di Capizzi IRACI SARERI Mario Antonino, nato a Capizzi il 25/01/1950 e di BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930, inteso il “Cavaliere”.
(cfr. annotazione di P.G. del 02/09/2005, in allegato 115).
Effettivamente della partecipazione dell’On. CARRARA alla festa Capitina, si aveva contezza anche dai controlli telefonici realizzati sull’utenza del FRASCONA’ CANTALANOTTE.
Infatti il 2 Settembre 2005:
alle 15.46, veniva registrata la telefonata 2118 in entrata dal 335/8162018, nella quale il personaggio politico riferiva a “Nicola” che “loro” erano nella piazza del paese, vicino alla chiesta. “Nicola” prendeva atto riferendo di trovarsi con il sindaco sulla strada per arrivare dentro Capizzi.
Alle 16.09, rif. conv. 2120 in entrata dal 339/2856329, BISIGNANO Vincenzo, amico del FRASCONA’ CANTALANOTTE, telefonava a quest’ultimo. “Nicola”, forse per la confusione, si confondeva e scambiava il chiamante per l’On. CARRARA, asserendo così che di lì a poco sarebbe arrivato a Capizzi.
Alle 16.23, rif. conv. 2121, l’On. CARRARA chiamava ancora “Nicola” per sollecitarlo ad entrare in paese. Il FRASCONA’ rispondeva invitando l’interlocutore ad attendere ancora un poco.
Evidentemente il FRASCONA’, trovandosi tra gli organizzatori, tardava a fare ingresso al paese, dovendo seguire in corteo della cavalcata vera e propria.
Per tale motivo, alla fine della giornata del 02 Settembre, “Nicola” FRASCONA’ CANTALANOTTE non era riuscito ad incontrare l’On. CARRARA.
Infatti alle 10.00 del 03 Settembre seguente veniva registrata la conversazione 2143, nella quale il FRASCONA’ stigmatizzava con il solito “CATALDO” il comportamento dell’On. CARRARA, il quale si era spazientito e se n’era andato senza anche salutare “Nicola”.
Quest’ultimo aggiungeva di aver invitato l’uomo politico, non per fini personali, ma per fargli conoscere delle persone.
Per una migliore comprensione si riporta di seguito la trascrizione di questa conversazione:
F = FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò
C = CATALDO
.... OMISSIS ....
F - --- inc --- le colpe me le volete dare a me? ... Io lo avevo invitato per farlo mettere in contatto con le persone ... non è che posso lasciare le persone ... abbiamo finito alle 16.00 - 16.30 ... era col Colonnello ... col Colonnello CARDILLO e coso --- inc --- e poi l'invito è stato per stare a contatto con le persone ... lui (On. CARRARA ndr.) se n'è andato a chi minchia lo racconta
C - no ... ha aspettato lì ...
F - ma che cosa ha aspettato ... aspettato ... c'era la processione ... i muli ... i cavalli erano scesi --- inc --- eravamo tutti lì assieme ... io gli dovevo presentare un sacco di personaggi e cose ... va be ... comunque ...
C - fottitene ... dove sei? ...
F - --- inc --- minchia ho spaccato una macchina ... una Jeep ... ho spaccato una Jeep ... e non l'ho trovato? (On CARRARA ndr.) ... ci sono rimasto male
.... OMISSIS ....
F - mi fai uno squillo ... devo parlare con lui (On. CARRARA ndr.) ... sono cose importanti ... se gli interessa ... se non gli interessa ...
C - no ... ti ha cercato davvero Nicola a parte lo scherzo ...
F - mi ha telefonato ...mi ha chiamato due volte...però...
C - tu devi immagirare ... devi immaginare ...
F - tu sai che siamo con la processione ...
C - ci siamo fermati con Rosi ... ci siamo fermati con Rosi ... tua figlia ... e gli continuava a domandare ... ma come tuo padre mi ha dato appuntamento alle 16.00 e mi ha lasciato qua ... quindi ... siccome io sono venuto per conto mio da Gagliano ... hai capito? ... non è che eravamo assieme ...
F - si ... si ... d'accordo ... ---- inc ---- però io non posso lasciare la popolazione ... io ... io ... l'invito era stato per farlo stare a contatto con la gente ... non mio personale ... e voglio che lui lo capisca ...
C - va be ... certo questo dai ...
F - e che tu glielo dici ... non è che ... minchia arrivo qua ... ho spaccato una Jeep ... e non l'ho trovato ... ci sono rimasto male va ... e poi l'invito non è che era ... l'invito era specifico per farlo stare a contatto con le persone
C - non ti preoccupare Nicola ... dai ...
F - fatti sentire...che dobbiamo parlare va ...domani ...
C - domani ti chiamo ...
(Cfr. conversazione in allegato T/8-4)
Gli accertamenti esperiti da questa Sezione A/C al fine d’identificare “CATALDO” di Gagliano Castelferrato (EN), in rapporto di lavoro con l’On. Nuccio CARRARA, permettevano d’individuare il medesimo in SCARDAVILLI Cataldo, nato a Gagliano Castelferrato (EN) il 18/03/1952, il quale, per quanto consta alla locale Stazione CC svolge compiti di segretariato alle dipendenze dell’On Nuccio CARRARA.

Quanto al RICEVUTO la P.G. cosi’ riferiva ai fogli 831 e seguenti dell’informativa:
“Già il 29 Settembre 2005, alle ore 1606 sull’utenza 333/4825967 del FRASCONA’ CANTALANOTTE, era stata registrata la telefonata 3510, intercorsa tra “Nicola” e SCARDAVILLI Cataldo, nato a Gagliano (EN) il 18/03/1952, segretario dell’On. Nuccio CARRARA, nel corso della quale l’Ennese aveva rappresentato al Capitino di volergli parlare di “suo compare” Nanni RICEVUTO.
Effettivamente il FRASCONA’ conosceva l’anziano uomo politico originario di Salemi (TP).
Infatti, il 12/10/2005, alle ore 12.34, il FRASCONA’ CANTALANOTTE effettuava la telefonata 4202 in uscita per il 335/5789518, risultato essere intestato alla Assemblea Regionale Siciliana- Partita Iva 97001200829. Rispondeva tale Natale BONSIGNORE, il quale al FRASCONA’ chiedeva di parlare con “Nanni” rispondeva che il telefonico ce l’aveva lui e che in quel momento Nanni si trovava da un’altra parte. Il FRASCONA’ chiedeva quindi all’interlocutore di fargli sapere a “Nanni” che lo avevano chiamato e di far richiamare dallo stesso al suo numero (del FRASCONA’, ndr).
Il 26 Novembre 2005, alle ore 12.36, veniva intercettata una nuova telefonata la 5805 in uscita per il 335/5789518, utenza alla quale rispondeva il solito Natale BONSIGNORE. Come nella circostanza precedente “Nicola” chiedeva all’interlocutore di dire a “Nanni” di ri-telefonargli al proprio numero, (del FRASCONA’, ndr).
Tuttavia in quest’occasione, in considerazione delle elezioni comunali di Messina, “Nicola” si proponeva direttamente per offrire voti, affermando con l’interlocutore di avere parenti a Messina e di aver chiamato perché voleva “dare una mano”.
Il 24 Gennaio 2006 ed il successivo 10 febbraio, sull’utenza del FRASCONA’ CANTALANOTTE, venivano registrate altre due telefonate:
la 7731 delle 12.11 del 24 Gennaio;
la 8359 delle 10.59 del 10 Febbraio;
…..delle quali la prima in uscita per il 333/8199982 intestato a DE DOMENICO Massimo, nato a Messina l’11/11/1967.
Evidentemente il FRASCONA’ conferiva proprio con il DE DOMENICO al quale chiedeva di poter conferire con “Nanni”.
Nella prima circostanza Massimo rispondeva che “Nanni” si trovava in aereo, quindi i due si accordavano per fissare un appuntamento prossimamente.
Nella seconda occasione DE DOMENICO rispondeva che “Nanni” si trovava a Messina, impegnato tutto il giorno in un convegno al teatro Vittorio Emanuele, quindi manifestava la possibilità di far richiamare il FRASCONA’ il giorno seguente per poter concordare con quest’ultimo un incontro per la domenica o il Lunedì successivi. Il FRASCONA’ si mostrava d’accordo con questa soluzione rappresentando che il lunedì successivo sarebbe dovuto “scendere” a Messina anche per altre cose.”.
Quanto al GERMANÀ Basilio e Antonino, paiono rilevanti le seguenti conversazioni, come da fogli 835 e seguenti dell’informativa:
09.10.05 ore 11.35
F = FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò
G = FRASCONA’ CANTALANOTTE Giovanna
A = Antonino GERMANA'

G - Nicola? ...
F - come sei? ...
G - buona ... tu? ...
F - dico ... non ti fai sentire mai? ...
G - hai ragione ... sono troppo presa dal mio lavoro ... che mi dà tanti problemi ...
F - che hai? ... non ho capito? ...
G - sono troppo presa dal lavoro ...
F - ah ... dal lavoro ...
G - si ...
F - Giacomino a Capizzi è ... ieri ho visto la macchina nel palmento .
G - ieri hanno fatto un po di vendemmia ...
F - di vendemmia ... tu come mai non sei salita ...
G - oggi a casa è (Giacomino ndr.) ... che fai? ...
F - niente ... giovedì ... verso giovedì come sei combinata? ...
G - giovedì? ...
F - eh ...
G - qua sono ... al lavoro ... vieni? ...
F - si ... si ... vengo con un onorevole che è qua per l'USL ... per quel vecchio discorso ... va? ...
G - si ... va bene ...
F - d'accordo? ...
G - ti aspetto ...
F - eh ... glielo dici a Giacomino ... con GERMANA' vengo ... che per adesso comanda lui ... sono qua a casa sua a Brolo stamattina ... mi ha detto ... disgraziato perchè non me lo dicevi ... ma io so burocraticamente a chi mi dovevo rivolgere ...
G - no ... ma lui veramente ... tante persone si sono offerte di farglielo conoscere ... tante colleghe ... io gli ho sentito dire che lo voleva conoscere ... però non sapevo che tu lo conoscevi ...
F - io sono qua a casa sua ... giovedì vorremmo fare una capatina su Sant'Agata (Militello ndr.) ...
G - va bene ...
F - anzi ora te lo passo ... ti saluta ... e poi senti qua ... io sono a Brolo ... niente e poi ci vediamo quando sono a Sant'Agata ...
G - vieni a mangiare ...
F - no ... no ... sono con altre persone e cose ... sono a Brolo e ora ... mangio a Sant'Agata ... ma non vengo ... ho altre persone ...
G - va bene ...
F - ti passo a Nino GERMANA' così ti saluta ... ciao ...
G - Va bene ...
A - dottoressa buongiorno ...
G - Onorevole buongiorno ... come sta ...
A - no ... io sono il figlio ...
G - ah ... va bene lo stesso Onorevole ...
A - aspirante Onorevole ...
G - va bene ... fa piacere ...
A - come andiamo? ...
G - le faccio tanti auguri ... pronto? ...
A - tutto bene? ...
G - ma ... insomma ... ci barcameniamo in questa valle di lacrime ...
A - va bene ... allora vediamo se ci possiamo vedere venerdì mattino ... dicevo a Nicola ...
G - va bene ... per me la vita è molto difficile per dirle la verità ... in questa società in cui tutti si arrampicano ... in un certo modo lei lo sà ...
A - va be ... vediamo un pochino ... ci incontriamo ...
G - e quindi ... ecco ... così avrò il piacere di cominciare a conoscere qualche onorevole ... veramente tante persone ci hanno invitato ad accompagnarci da voi ...
A - va bene ... ci vediamo presto ... venerdì se possibile ...
G - va bene ...
(Cfr. conversazione in allegato T/8-16)
0re 11.48 del 30.10.05
G = GERMANA' Nino
F = FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò
.... OMISSIS ....
F - Ninuzzo ... io ho parenti a Messina se ti interessa ...
G - e io ti volevo dire ... io ti volevo dire questo ... ho pure a mia moglie in lista
F - se tu guardi nell'elenco (telefonico ndr.) ci sono un sacco di FRASCONA’ ... che sono cugini miei diretti ... ma se tu fai ... devi fare una cosa ... fai una cosa più inteliggente così ... siccome ci sono un sacco di capitini residenti a Messina ...
G - eh ...
F - tu vai all'ufficio anagrafe e ti fai fare un foglio te lo fanno ... come quando lo abbiamo fatto ...
G - all'ufficio anagrafe di Messina? ...
F - si ... per le elezioni di Catania l'abbiamo ... l'abbiamo uscito in un minuto ... gli ... tutti i capitini ... all'ufficio anagrafe in un minuto lo hanno uscito ...
G - i nati a Capizzi e residenti a Messina? ...
F - si ... si ... e così ... perchè poi mi vengono a pensare uno ... minchia c'è quello ... quell'altro ... così un minuto ti fai fare questo coso (elenco ndr) ...
G - va bene ...
F - vai all'ufficio anagrafe e mi chiami ... d'accordo? ...
G - va bene ...
F - a Palermo niente abbiamo fatto vero? ...
G - no niente Nicola ... non ho avuto tempo ...
F - e vediamo di quagliare qualcosa che siamo a mare preciso ...
G - non ho avuto un minuto di tempo ... sono stato a Messina ...
F - uh ... se vai a Messina ... vediti per l'ente che ti avevo detto io ...
G - va bene ...
F - che c'è una cosa di Capizzi quà ...
G - va bene ...
00.06 del 28/11/2005 (Pag. 844 Informativa).
“Nino” GERMANA’, per nulla demoralizzato dai risultati elettorali, inviava un SMS al FRASCONA’ CANTALANOTTE, il nr. 311093. Questo messaggio testualmente recitava: “LA BELLA ESPERIENZA “CASA DELLE LIBERTA’” E’ FINITA, MA NE COMINCIA SUBITO UN’ALTRA CHE NEI PROSSIMI MESI CI VEDRA’ IMPEGNATI CON IL NOSTRO PARTITO PER LE POL”.
Seguiva alle 00.006.55 il messaggio 301114, che proseguiva “ITICHE E LE REGIONALI…..GRAZIE DI TUTTO E NON MOLLARE FORZA ITALIA NINO GERMAN”.

Nella telefonata 8874 delle 11.20 (pag. 845 Informativa), il GERMANA’ informava telefonicamente il FRASCONA’ di aver agito sul Sindaco di Capizzi IRACI SARERI per far finanziare i lavori in corso di realizzazione nel centro abitato di Capizzi, relativamente alla via Goti.
Quindi il giovane politico invitava l’interlocutore alle 18.30 del venerdì 24 Febbraio seguente in occasione di una manifestazione politica organizzata da FORZA ITALIA.
I due così parlavano:
F = FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò
G = GERMANA' Antonino
.... OMISSIS ....
F - ma si ... ringrazio a DIO sto lavorando ... a Capizzi sono incasinato ... sto facendo un lavoro proprio nel centro urbano ...
G - uhm ... guarda che gli ho fatto finanziare pure la via Goti ... la destra ...
F - ---- a voce alta ----- si agli altri gliela devi fare finanziare ... non a me ...
G - al sindaco ... a Capizzi ... al Comune ...
.... OMISSIS ....

Il 13/04/2006, a pochi giorni dall’esito delle elezioni politiche, veniva registrata la telefonata nr. 10738, delle ore 12.11, nella quale “Nicola” formulava al giovane GERMANA’ gli auguri per l’ottimo risultato (pag. 848 Informativa). Vale evidenziare che il padre dell’interlocutore, Basilio, è stato eletto Deputato Nazionale nel collegio comprendente i Comuni Barcellona P.G., Basicò , Brolo, Falcone, Ficarra, Furnari, Gioiosa Marea, Librizzi, Mazzarrà S:andrea, Montagnareale, Montalbano Elicona, Naso, Novara di Sicilia, Oliveti, Patti, Piraino, Rodì Milici, Sant’Angelodi Brolo, Sinagra, Tripi, Terme Vigliatore.
Antonino GERMANA’ rispondeva, a sua volta, ringraziando l’interlocutore per il sostegno garantito.
I due così parlavano:
F = FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò
G = GERMANA' Antonino

.... OMISSIS ....
F: eh... come stai gioia?
G: eh...bene, tutto bene....tu?
F: intanto ti faccio gli auguri dell'ottimo risultato...
G: grazie...grazie... minchia...auguri e fai i complimenti a tutti voi che ci avete aiutato ....
.... OMISSIS ....

Quanto al MADAUDO paiono rilevanti le seguenti conversazioni:
Telefonata 5307 del 07.11.05
F = FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò
M = On . MADAUDO Dino
F - pronto? ...
M - Dino MADAUDO sono ... Nicola ...
F - gioia mia ... come stai? ... ci siamo un po persi ...
M - senti una cosa ...
F - dimmi ...
M - scusa se ti rompo le palle ...
F - no ... tu ...
M - a Messina tu hai parenti ... amici ...
F - come? ... come ... non ho capito ...
M - a Messina città ...
F - si ...
M - e nei villaggi ... ci sono le elezioni amministrative ...
F - tu fai una cosa ...
M - eh ...
F - fai una cosa ... vai all'ufficio anagrafe ... manda a qualcuno ... non tu ... ti fai dare l'elenco di tutti i residenti ... di tutti i capizzoti che stanno lì ... te lo fanno in giornata ... in ...
MADAUDO rivolgendosi a tale Massimo che si trova con lui dice:
M - l'elenco dei capizzoti che abitano a Messina si può fare Massimo? ...
F - si ... io a Catania per le elezioni di Catania lo abbiamo fatto ... in due minuti lo abbiamo tirato fuori ...
M - ma tu a chi conosci che sta a Messina ...
F - io ho compari ... ho parenti ... ho FRASCONA’ che stanno lì (Messina ndr.) ..
M - ora vedo ... ciao ...
F - guarda nell'elenco ... ci sono FRASCONA’ ... che sono parenti miei diretti
M - eh ...
F - guarda e mi chiami ... fatti fare questo coso ... perchè io poi mi ricordo dopo tempo ... e dico minchia c'è quello ... com'è finita per le elezioni di Catania ... tu ti fai fare quest'elenco ... e dopo uno se lo mette davanti ...
M - ciao ...
F - quando mi chiami tu ... scendo e ci facciamo una girata ...
(Cfr. conversazione in allegato T/8-35)
telefonata 5637 del successivo 22 Novembre
F = FRASCONA’ CANTALANOTTE Nicolò
M = On . MADAUDO Dino
F - pronto? ...
M - Nicola? ...
F - oh? ...
M - mi avete abbandonato ... non mi volete bene più ...
F - Ninuzzo ... no non è vero ... non è vero gioia ... io ... tu mi hai chiamato dicendomi ... io te l'ho detto ... fatti uscire queste cose (elenco dei capizzoti residenti a Messina ndr.) ...
M - non me li fanno uscire queste cose ... queste cose li devi uscire tu a Capizzi ...
F - ma non è vero ... a Catania con le ...
M - ho parlato col segretario generale del comune e mi ha detto ... Onorevole ... come facciamo noi è Capizzi che ci dovrebbe ...
F - ma a Catania come mai me lo hanno fatto l'anno scorso che ci sono state le elezioni ...
M - no ... non lo possono fare a Messina ... non ce li hanno ...
F - ah ... allora mi chiamavi ... mi chiami ed io provvedo ora a Capizzi ...
M - dai Nicola ... provvedi tu ... fammi questa cortesia ...
F - intanto mi devi mandare un po di carta ... io nemmeno so ...
M - dove te li mando ... dove te li mando ...
F - o me li vengo a prendere io verso mercoledì ... giovedì ...
M - dai ---- inc --- che sono qua ... ti aspetto forza ...
F - va bene ... Dinuzzo ...
M - ciao grazie ... diglielo a Mimmo pure se ha amici ... vedi lì ...
F - d'accordo ... vedi che non ti abbandono ... io ti voglio bene ... stai tranquillo ... anzi vedi quello che dobbiamo fare di quagliare --- inc ---
M - dobbiamo prendere questi consiglieri comunali e poi facciamo il partito ... ciao ...
(Cfr. conversazione in allegato T/8-39)
03/09/2005 FRASCONA’ osservato in Capizzi assieme a BERNA NASCA Giovanni Antonino cl. 1930 e tale FIORDALISO Pasquale durante processione religiosa.
09/09/2005 Contatti sono stati dimostrati anche tra il FRASCONA’ e Nino GERMANA’, figlio di Basilio. Il FRASCONA’ CANTALANOTTE si reca a trovarlo a casa il 09/09/05 e, non avendolo trovato, lo incontra in un bar di Ponte Naso. Viene concordato un appuntamento tra il FRASCONA’ CANTALANOTTE ed il GERMANA’ anche per il 09 ottobre 2005 a Brolo. Si accenna ad un problema di una zia del FRASCONA’ CANTALANOTTE, che GERMANA’ dovrebbe risolvere.
11/09/2005 FRASCONA’ conversando con il colonnello CARDILLO e CAMMARATA Michele, manifesta l’intenzione di partecipare ad un comizio a Raddusa –Enna- dell’onorevole CUFFARO.
22/09/2005 conversa con l’avvocato GRIPPALDI. Il primo chiede a secondo di procurare un appuntamento con l’onorevole LOMBARDO.
03.10.2005 ore 09.53. FRASCONÀ CANATALANOTTE Nicolò parla con “Nino” BERNA NASCA per un carico di cemento da consegnare a Capizzi in loc. Tre Croci. Il materiale dovrà essere contabilizzato – dice - a nome dell’Impresa VECCHIO.
03/10/2005 conversazione FRASCONA’-GRIPPALDI. Si fa riferimento ad una questione politica da risolvere nel Messinese. FRASCONA’ CANTALANOTTE fa capire che ci sono le condizioni in provincia di Messina per sostenere il nuovo movimento per l’autonomia facente capo a LOMBARDO.
17/10/2005 BERNA NASCA Michele cl. 1973 in contatto con TESTA CAMILLO Bartolomeo, cui fornisce se del caso materiali o attrezzature (vds telefonate 6905 ore 10.25 e 17/10/2005 e 22/12/2005). Sulla scorta della conversazione in ambientale 19/03/2006 tra FRASCONA’ e il noto Alfio PARISI si deduce chiaramente che a creare il contatto tra il TESTA e BERNA NASCA era stato proprio il FRASCONA’ che successivamente sembrerebbe essersi pentito.
10/2005 I rapporti tra FRASCONA’, CALABRESE Antonino, CALABRESE Filadelfio e MUSARRA AMATO Benedetto si intensificano a partire dalla fine ottobre del 2005 (vds foglio 277 e seguenti informativa) allorquando si registrano: la richiesta di FRASCONA’ a CALABRESE Antonino di un elenco dei mezzi di lavoro posseduti, elenco da utilizzare per una richiesta di finanziamento per lavori futuri; diverse visite del FRASCONA’ e del CALABRESE presso uffici pubblici di Messina (Genio Civile, Findomestic, Assessorato Lavori Pubblici Provincia); diversi viaggi alla volta di Licata e Favara per contattare altri imprenditori (PITRIZZELLA Santo, PITRUZZELLA Giovanni, VECCHIO Angelo, PIRRERA Pasquale).
26/10/2005 Nel corso di controlli telefonici sull’utenza di FRASCONA’ CANTALANOTTE viene intercettata la conv. 4886. CALABRESE Antonino annuncia a FRASCONA’ di “avere preso il lavoro lì da te” e che della cosa intendeva parlare più dettagliatamente con lo stesso FRASCONA’. Il lavoro cui si fa riferimento -e che si trova nella zona di origine del FRASCONA’- va individuato nel tratto Portella dell’Obolo-Ruetto (Capizzi) – Femmina Morta (Cesarò-San Fratello), come si desume anche dalla relazione di servizio dell’appuntato SCORZA.
27/10/2005 FRASCONA’ CANTALANOTTE alle ore 10,04 parla con “Nino” BERNA NASCA. Lo informa della presenza a Capizzi dei sanfratellani, che dovranno acquistare materiali per la metanizzazione in zona Portella dell’Obolo-Femminamorta (Pag. 1472 e seguenti dell’informativa).
27/10/2005 BERNA NASCA Antonino alle ore 12,09 parla con FRASCONA’ CANTALANOTTE, cui chiede se il proprio fratello – Michele cl. 1973 - e’ in sua compagnia. FRASCONA’ CANTALANOTTE risponde che Michele non c’è e che è “la sopra” col fuoristrada “a guardare la distanze dalla cava” (pag. 1474 dell’informativa).
28/10/2005 Incontro, a Sant’Agata Militello, tra TESTA CAMILLO Bartolomeo, GALATI GIORDANO Vincenzo “Lupin” e COSTANZO ZAMMATARO Sebastiano. L’incontro viene mediato dall’attività di ARMELI Vincenzo e CASABONA Antonino, come si vedrà trattando della vicenda specifica della metanizzazione, e scaturisce dalla necessità di accordarsi da un lato per i lavori di Portella dell’Obolo a Capizzi ove in mattinata i Batanesi avevano minacciato CALABRESE “Perno” costringendolo ad abbandonare i lavori appena intrapresi e dall’altro per organizzare il danneggiamento dei tubi della SMEDIGAS nei cantieri di San Fratello e Caronia. In quest’ultimo Comune il danneggiamento è stato esteso anche ad un mezzo della ditta LA MONICA.
Con due distinte telefonate (delle ore 12.55 e delle 16.27) GALATI GIORDANO Vincenzo provvede a contattare BARBAGIOVANNI Carmelo, il quale nelle seconda conversazione chiede se e’ tutto a posto.
Sempre dalle indagini specifiche sulla metanizzazione è risultato:
31.10.2005
09.25 in contrada “La Fiumara” giunge COCI Sebastiano con un soggetto non meglio identificato. Scambiano qualche parola con ARMELI Vincenzo e vanno via. Va via ARCODIA Salvatore, come pure COSTANZO ZAMMATARO Salvatore.
09.31 COSTANZO ZAMMATARO Salvatore chiama GALATI GIORDANO “Lupin” per dirgli che l’aveva cercato CALABRESE.
09.32 FRASCONA’ CANTALANOTTE giunge alla macelleria “La Fiumara” con uno sconosciuto. Sceso dall’auto si apparta per conversare con GALATI GIORDANO “Lupin” ed ARMELI Vincenzo. Torna sul posto anche COSTANZO ZAMMATARO Salvatore.
09.43 FRASCONA’ CANTALANOTTE saluta GALATI GIORDANO “Lupin”, ARMELI Vincenzo, COSTANZO ZAMMATARO Salvatore e va via.
09.58 FRASCONA’ CANTALANOTTE informa per telefono CALABRESE dicendogli che è tutto a posto e che i Tortoriciani lo contatteranno.
10.15 FRASCONA’ CANTALANOTTE informa per telefono BONANNO CONTI Armando che tutto è andato per il suo verso....

CONTINUA...

IMGPress tutti i diritti riservati. Reg. Trib. ME n.1392 del 18/06/92