chi siamo | servizi | contattaci | pubblicità | collabora con noi | archivio
Attualità
Politica
Inchiesta
Culture
L'intervista
L'eroe
Sport
Caffetteria
Tecnologia
Questa è la stampa
Stracult
Foto Gallery
HOME PAGE
  CERCA
Iscriviti alla newsletter
per ricevere tutti gli
ultimi aggiornamenti
di ImgPress.it




Cristiani, noi siamo nessuno senza il vescovo… / Vescovo, tu sei nessuno senza il tuo popolo! JEAN DANIELOU/ Di CHI tu sei vescovo?/ Per CHI tu sei vescovo?/ CHI ti ha scelto? VOTATE IL SONDAGGIO
ATTUALITÀ
DDL SALLUSTI: SIDDI, MOBILITAZIONE È ATTO RESPONSABILITÀ

Attualità(25/11/2012) - 'La scelta della Fnsi di differire la data dello sciopero e di indicare per domani la giornata di mobilitazione nazionale aperta ai cittadini, all'associazionismo democratico e civile, è un atto di responsabilità' e punta a 'contrastare con la forza delle idee e con la luce delle notizie una proposta di legge che, se approvata, farebbe retrocedere di almeno trenta punti il nostro Paese nelle classifiche mondiali sulla libertà di stampa'. Lo scrive il segretario della Federazione nazionale della stampa (Fnsi), Franco Siddi, in un intervento sull'Unità. La proposta di legge, al punto in cui è arrivata in Senato, non risolve alcuno dei problemi per i quali si erano mossi in prima battuta i senatori Chiti e Gasparri', spiega Siddi. 'Il proposito iniziale è finito per essere travolto in Senato da una serie di emendamenti presentati col proposito dichiarato di regolare i conti con la stampa 'irriverente' che ha messo a nudo il disagio, le criticita' e anche la fragilità di una politica rilevatasi povera e inadeguata.
'Il principio, apparentemente condiviso da tutti, che le pene per i giornalisti e per la stampa non possano mai essere quelle del carcere e' caduto miseramente', prosegue Siddi.
Adesso, 'per riparare a un danno, un emendamento propone che il carcere venga eliminato solo per i direttori e i vicedirettori, mentre sia condizione possibile per tutti i cronisti'.
La conseguenza, spiega, e' che 'a rischio finiranno quelli piu' deboli, i precari, i freelance e i giornalisti di frontiera, cioe' quanti si occupano di giornalismo investigativo. Il rimedio proposto con l'intento di salvare un direttore dal carcere - conclude Siddi - e' peggiore della malattia che si voleva estirpare'.
 STAMPA  SEGNALA

 (Altre news)

IMGPress tutti i diritti riservati. Reg. Trib. ME n.1392 del 18/06/92 P.IVA 02596400834
  CREDITS   -